Home » LIFESTYLE » LA STORIA DI KARIMA, MOLTE ANCORA LE DOMANDE: COSA NON HA FUNZIONATO?
LA DONNA CHE BLOCCO' CORSO MASSIMO

LA STORIA DI KARIMA, MOLTE ANCORA LE DOMANDE: COSA NON HA FUNZIONATO?

di ilTorinese pubblicato lunedì 14 settembre 2015

karima

Sicuramente non si può e non si deve rimanere indifferenti di fronte al dolore di quattro figli, quattro minorenni, che si sono improvvisamente visti portare via i loro genitori. Nessuno condanna nessuno, ma in un periodo delicato e difficile come questo per quanto riguarda soprattutto il tema dell’immigrazione, forse sarebbe meglio prestare più attenzione e adoperarsi affinché situazioni di questo tipo non si ripresentino

 

Immaginatevi una donna, suo marito ed immaginate i loro quattro figli, tutti minorenni. Ora immaginate che la loro figlia di 16 anni venga molestata sessualmente da uno sconosciuto e che quindi entrambi i genitori, sconvolti, decidano di denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine. Provate poi a pensare a come quella denuncia fatta per tutelare e difendere la propria figlia minorenne, possa rivelarsi una sorta di condanna per l’intera famiglia. Questo è quello che è successo a Karima, donna egiziana di 38 anni balzata nell’ultimo periodo agli onori della cronaca torinese, per aver bloccato in segno di protesta un tratto di strada di Corso Massimo D’azeglio. La protesta riguardante la decisione da parte delle autorità competenti, di condurre il marito Ahmed, al Cie di Torino (Centro di Identificazione ed Espulsione), è durata quasi due giorni, creando molti disagi alla viabilità del corso e suscitando non poche polemiche.

 

Riassumendo velocemente la vicenda, si può apprendere che il tutto sia scaturito dalla denuncia fatta dalla figlia di 16 anni per una tentata violenza sessuale da lei subita. Sembrerebbe che al momento di registrare la denuncia, gli agenti della questura di San Salvario, si siano accorti che il permesso di soggiorno di entrambi i coniugi fosse scaduto da molto tempo e che quindi la coppia vivesse irregolarmente in Italia. L’uomo viene immediatamente trattenuto in caserma e in seguito portato al Cie con la possibilità di essere rimpatriato, provvedimento che non può essere preso anche nei confronti di Karima per la presenza dei figli minori a suo carico. Dal quel momento comincia la protesta della donna che, insieme ai quattro figli minori, decide di sedersi in mezzo a Corso Massimo non permettendo così la normale viabilità (la Gtt è addirittura costretta a spostare gli autobus su via Nizza mentre la polizia municipale deve deviare il traffico su corso Moncalieri).

 

La protesta di Karima dura ben 17 ore, durante le quali cercano di intervenire i carabinieri e gli assistenti sociali (informati già da tempo insieme al comune di Torino della situazione di disagio economico ed abitativo in cui la famiglia di Karima versava), ma senza ottenere risultati. Solo l’intervento dell’assessore Ilda Curti e la promessa di vedere il marito fanno desistere la donna a continuare la protesta e riescono a convincerla ad andare in una casa famiglia insieme ai suoi bambini. Ma la tranquillità dura ben poco, Karima il giorno dopo abbandona insieme ai figli minori la casa famiglia e torna a rioccupare la strada di corso Massimo. Questa volta le autorità non si fanno attendere e dopo un paio d’ore giunge anche un’ambulanza che carica l’intera famiglia e la porta al Martini per fare accertamenti sulle loro condizioni di salute, in particolare sulle condizioni dei bambini più piccoli (ricordiamo che il figlio più piccolo non ha neanche 1 anno). Dopo diversi controlli che dimostrano il buono stato di salute dei bambini, viene nuovamente riproposta a Karima la possibilità di andare con i figli in una casa famiglia ma lei rifiuta categoricamente scontrandosi animatamente con un medico e con alcuni operatori sanitari. La donna viene così ricoverata nel reparto di salute mentale a causa del suo comportamento aggressivo, mentre i ragazzi vengono affidati (grazie all’intervento dei servizi sociali e del Tribunale dei Minori) ad una comunità protetta. A una settimana dopo dall’accaduto, il giudice del tribunale dei minore decide che i bambini resteranno in comunità finché la madre non sarà dichiarata stabile ed in grado di potersi prendere cura di loro.

 

Sono trascorsi quasi dieci giorni e nonostante i giornali non si siano più interessati della vicenda, la storia di Karima continua a far parlare e suscitare interesse nell’opinione pubblica. Tantissimi sono gli interrogativi e tanti sono i punti poco chiari di questa vicenda. Karima, suo marito e i loro figli erano rimasti senza casa e da luglio dormivano al Parco del Valentino (luogo in cui sarebbe avvenuta l’aggressione alla figlia). Pare che sia gli assistenti sociali che il comune di Torino fossero informati di tutta la situazione e qui subentrerebbero i primi quesiti: se le autorità competenti erano informate da tempo dell’intera situazione, come mai non sono stati presi prima dei provvedimenti, soprattutto per tutelare i minori? Gli assistenti sociali o comunque coloro che si interessavano al “caso” erano informati che i due coniugi vivevano in Italia irregolarmente? E soprattutto perché nessuno ha più menzionato la tentata aggressione sessuale subita dalla loro figlia di 16 anni? Una ragazzina di 16 anni denuncia un tentativo di aggressione sessuale da parte di uno sconosciuto e la notizia si perde nel nulla. Nessuno ne parla, nessuno si interessa di capire o sapere come stia quella ragazza, che alla fine della storia, si ritrova una madre ricoverata nel reparto di salute mentale e un padre che rischia l’espulsione.

 

In molti si sono “scagliati” contro le forze dell’ordine che hanno fermato Ahmed; fino a prova contraria la questura di San Salvario ha semplicemente fatto il suo lavoro. Ahmed aveva il permesso di soggiorno scaduto e quindi viveva in Italia irregolarmente. Controllarlo e portarlo a Cie è semplicemente il protocollo che si dovrebbe applicare in queste situazioni. Sicuramente si può capire il gesto disperato di una moglie e di una madre che in pochissimo tempo si ritrova con la vita (già non facile) completamente stravolta. Sicuramente non si può e non si deve rimanere indifferenti di fronte al dolore di quattro figli, quattro minorenni, che si sono improvvisamente visti portare via i loro genitori.

 

Nessuno condanna nessuno, ma in un periodo delicato e difficile come questo per quanto riguarda soprattutto il tema dell’immigrazione, forse sarebbe meglio prestare più attenzione e adoperarsi affinché situazioni di questo tipo non si ripresentino. Per il momento sappiamo che Ahmed (nonostante il decreto di espulsione già disposto dalla questura) si trova ancora al Cie di corso Brunelleschi, Karima è stata affidata al Servizio di salute mentale mentre i figli sono stati affidati alle cure di due case famiglia. Adesso la speranza degli assistenti sociali è che la donna possa pian piano riprendersi per tornare ad abbracciare i suoi bambini.

 

Simona Pili Stella