Home » LIFESTYLE » Con le “pietre di inciampo” la storia non si dimentica
INIZIATIVA DEL MUSEO DIFFUSO DELLA RESISTENZA

Con le “pietre di inciampo” la storia non si dimentica

di ilTorinese pubblicato giovedì 8 gennaio 2015

Anche Torino la messa in posa delle prime pietre, dedicate alla memoria di 27 torinesi deportati nei campi di concentramento e di sterminio

 

RESISTENZA PIETREStolpersteine (Pietre di inciampo) è un monumento diffuso e par­tecipato dell’artista tedesco Gunter Demnig per l’Europa. Per ricordare le singole vittime del nazionalsocialismo, l’artista pro­duce piccole targhe di ottone poste su cubetti di pietra che sono poi incastonati nel selciato davanti all’ultima abitazione scelta liberamente dalla vittima. La targa riporta “Qui abitava…”, il nome della vittima, data e luogo di nascita e di morte/scompar­sa. Si tratta del primo monumento dal basso a livello europeo: oltre 40.000 pietre d’inciampo sono state poste in 1.100 località di 16 paesi europei; in Italia, le pietre sono presenti a Roma, Livorno, Prato, Ravenna, Brescia, Genova, L’Aquila e Bolzano. Nelle giornate del 10 e 11 gennaio  anche Torino visto la messa in posa delle prime pietre di inciampo, dedicate alla memoria di 27 torinesi deportati nei campi di concentramento e di sterminio. Pietre di inciampo Torino è stato promosso dal Museo Diffuso del­la Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, dalla Comunità Ebraica di Torino, dal Goethe-Institut Turin e dall’Associazione Nazionale Ex Deportati (Aned). RESISTENZA PIETRE2

 

L’iniziativa per la messa in posa di una pietra d’inciampo parte da chiunque – singoli cittadini, associazioni o enti – desideri ri­cordare una vittima. Non sono quindi le istituzioni a scegliere chi ricordare ma i singoli committenti, mediante una richiesta diretta di cui si fanno portatori. I promotori , con l’assenso dei familiari, hanno  pensato di utilizzare una delle pose per coinvolgere la stampa e le istituzioni. Si tratta della pietra dedicata a Eleonora Levi, ebrea deportata ad Auschwitz, arrestata dai tedeschi nella clinica “Sanatrix” dove era ricoverata. L’ultima abitazione da lei liberamente scelta è stata in corso Massimo D’Azeglio 12 e qui verrà posata la pietra, domenica 11 gennaio, a mezzogiorno. In quel punto, in accordo con i familiari di Eleonora Levi, interverranno Lucio Monaco, vicepresidente dell’Aned, il rabbino della Comunità Ebraica di Torino e il Sindaco di Torino, Piero Fassino.

 

Marco Travaglini