Home » Brevi di cronaca » Sindone: “Il sangue appartiene a una persona torturata”
La ricerca è stata pubblicata su Applied Optics

Sindone: “Il sangue appartiene a una persona torturata”

di ilTorinese pubblicato martedì 7 agosto 2018

Ora, a smentire un recente studio che aveva valutato come “tarocche” la maggior parte delle macchie di sangue sul sacro lino, una nuova ricerca italiana sostiene  che il sangue presente sulla Sindone  è vero e appartiene a una persona torturata. Sangue che è rosso e non marrone, così  come dovrebbe essere un sangue antico, in quanto il telo sarebbe stato esposto alla luce ultravioletta,  che ne ha alterato il colore originale. La ricerca è stata  pubblicata su Applied Optics, ed è coordinata da Paolo Di Lazzaro, dell’Enea, vicedirettore del Centro Internazionale di Sindonologia. Dallo studio emerge che nel sangue del telo è presente la metaemoglobina, sostanza frutto della degradazione dell’emoglobina fortemente ossidata e invecchiata. Ciò confermerebbe che si tratta di sangue antico e ricco di bilirubina, presente nelle persone percosse violentemente.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE