Home » TRIBUNA » Settimo, neonato morto. Rosina : “Interrogarsi sui segnali di sofferenza ignorati, fraintesi e negati”
Assistenti Sociali Piemonte

Settimo, neonato morto. Rosina : “Interrogarsi sui segnali di sofferenza ignorati, fraintesi e negati”

di ilTorinese pubblicato lunedì 12 giugno 2017

La vicenda di cronaca è nota a tutti: pochi giorni fa, a Settimo Torinese, un neonato è stato gettato ed abbandonato per strada morendo poco dopo il ritrovamento, nonostante ogni tentativo di rianimazione.

 

Questo episodio ha destato sgomento ed incredulità in chi non si era accorto di nulla ma ha anche innescato – in un tentativo forse comprensibile di allontanare l’evento da se stessi – un processo denigratorio da parte di quanti ritengono come unica responsabile la donna, indubbiamente carnefice, ma altrettanto indubbiamente vittima di solitudine e di disperazione.

 

“Non è la compassione – spiega Barbara Rosina, Presidente degli Assistenti Sociali del Piemonte – a guidarci nella consapevolezza che la donna, almeno nei nove mesi di gestazione, avrebbe potuto – anzi, dovuto – essere aiutata con quel supporto che probabilmente avrebbe evitato che il gesto si compiesse, facendoci tutti diventare spettatori inermi di fronte alla tragedia umana. Serve interrogarci su quali e quanti segnali di sofferenza possiamo aver ignorato, frainteso e negato”.