Home » Brevi di cronaca » Senza tetto, emergenza freddo: i commenti e le proposte della politica torinese
TEMPERATURE POLARI IN CITTA'

Senza tetto, emergenza freddo: i commenti e le proposte della politica torinese

di ilTorinese pubblicato domenica 8 gennaio 2017

appendino-preteroti“Una comunità unità si prende cura soprattutto dei cittadini in maggiore difficoltà”. Così la sindaca di Torino Chiara Appendino, sulla propria  Facebook, a proposito dell’emergenza freddo ringrazia ” le persone che quotidianamente si adoperano per aiutare i senzatetto, specialmente chi lo fa in modo volontario”.

Il Partito Democratico di Torino mette a disposizione delle associazioni di volontariato e del Comune alcune delle proprie sedi per far fronte LEO PDall’emergenza freddo. Il responsabile organizzativo del partito, Saverio Mazza dice: “Molti bisognosi che vivono per strada non vogliono spostarsi verso le aree appositamente predisposte. Anche se la soluzione ottimale sarebbe raggiungere i centri attrezzati, come Partito Democratico di Torino, abbiamo deciso di mettere a disposizione alcune sedi sparse sul territorio cittadino”.

Daniela Ruffino (FI), vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte: “I Comuni dialoghino con il governo e si raccordino meglio con la Regione per  trovare idee e risorse da ruffino danieladestinare alla drammatica realtà dei poveri e dei senza tetto, che a Torino, come in tutto il territorio circostante,  si sta manifestando quale vera e propria emergenza”, aggiunge la vicepresidente dell’Assemblea piemontese. “Per quanto riguarda Torino, con l’arrivo dei 18 milioni di euro per il recupero delle periferie – propone infine Ruffino – si presenta una importante occasione anche in questa direzione. Il Comune deve clochard 2fare in modo che i fondi riservati al welfare e al sociale vengano impiegati in particolare per contrastare la povertà. Per gli altri Comuni, è necessario che i sindaci chiedano tutti insieme a Regione e Governo un aiuto concreto”.