Home » prima pagina » La scuola di Renzi è buona ma non per tutti: la Regione approva, i precari mugugnano
"La riforma priva in ogni modo il cittadino di un servizio “ super partes” che andrebbe invece così ad asservire alla logica di eventuali partitocrazie e clientelismi"

La scuola di Renzi è buona ma non per tutti: la Regione approva, i precari mugugnano

di ilTorinese pubblicato venerdì 17 luglio 2015

Pentenero: “La nostra è una buona scuola, fatta di tante piccole e grandi buone pratiche che dovrebbero essere inserite in un sistema coordinato capace di far dialogare l’intero mondo scolastico”

 

studenti corteoL’assessore regionale all’Istruzione, Gianna Pentenero, è ovviamente una convinta sostenitrice della Buona Scuola targata Matteo Renzi: “si deve apprezzare che, dopo anni di tagli – commenta  – si vogliano investire nuove risorse importanti, ad esempio per quanto riguarda l’edilizia scolastica. Bene anche il piano di assunzioni, anche se coinvolge però solo alcuni insegnanti precari. Ma non è che l’inizio. Alcune istanze provenienti dal mondo della scuola sono state ascoltate dal Governo, ma dispiace che un cambiamento così profondo del nostro sistema scolastico nasca con un deficit di discussione tra il mondo della politica e tutti gli altri attori coinvolti nella riforma, dagli insegnanti al personale amministrativo, passando per gli studenti. La nostra è una buona scuola, fatta di tante piccole e grandi buone pratiche che dovrebbero essere inserite in un sistema coordinato capace di far dialogare l’intero mondo scolastico”.

 

Nel frattempo Il deputato Pd e membro della VII commissione cultura e istruzione,Umberto D’Ottavio, comunica che, grazie alla legge di riforma della scuola, il Piemonte avrà 3660 insegnanti in più: 1250 per la primaria, 488 per la secondaria di I grado, 1506 per quella di II grado, 416 per il sostegno. “Ogni istituzione scolastica piemontese – dice – oltre agli insegnanti dell’organico di diritto, si vedrà assegnati una media di 6 insegnanti in più per presi dalle graduatorie ad esaurimento e dagli idonei del concorso 2012”.

 

Ma il clima non pare così idilliaco per tutti. Nei giorni scorsi il Movimento Docenti Precari “III Fascia” ha  inviato una lettera aperta al Presidente Sergio Mattarella,  contestando la riforma del governo che, sostengono, “creerà disastrose conseguenze”. “La cancellazione della graduatoria di terza fascia d’istituto – si legge nella missiva –  annulla in un solo colpo i sacrifici di precari che tanto hanno dato alla scuola, e nega per sempre a chi si accingeva all’insegnamento la possibilità di carriera. Tra l’altro, il concorso appare una modalità assai discutibile per selezionare professionisti di “materiale umano”, così come il fatto di essere riusciti a conseguire un’abilitazione su carta non dimostra in alcun modo la capacità reale di saper insegnare”. E ancora: “La dimensione esclusiva de “la buona scuola” di Renzi legittima la perdita di migliaia di posti di lavoro e spazza via il ruolo dell’istituzione scolastica quale garante della civiltà e della coscienza civica, priva in ogni modo il cittadino di un servizio “ super partes” che andrebbe invece così ad asservire alla logica di eventuali partitocrazie e clientelismi e limita il diritto ad un‘istruzione libera da condizionamenti ideologici e politici”. MATURITA STUDENTESSA

 

E’ sempre l’assessore Pentenero, invece, a sostenere che la possibilità di trovare posti di lavoro qualificati sta per aumentare in Piemonte grazie a quattro nuovi Its, Istituti Tecnici Superiori, che apriranno dal prossimo autunno, merito di una delibera approvata dalla Giunta Chiamparino,  La Regione comunica che le attività ritenute conformi agli indirizzi nazionali saranno finanziate grazie a oltre tre milioni del fondo Fse 2014-2020 e 770 mila euro provenienti dal Ministero dell’Istruzione. I corsi, con frequenza obbligatoria, hanno una durata di due anni. Sono articolati in quattro semestri, per 1.800 ore di frequenza complessive, di cui 540 ore dedicate a tirocini obbligatori in aziende, anche estere. “Dal prossimo autunno – rimarca Pentenero – l’offerta formativa regionale sarà ancora più competitiva grazie alla nascita di quattro nuove Fondazioni che offriranno l’opportunità a tanti giovani di ottenere un diploma di specializzazione tecnica superiore valido su tutto il territorio nazionale. L’intento non solo è quello di migliorare l’aderenza al mercato del lavoro dei sistemi di formazione, ma soprattutto quello di rispondere in modo concreto alla domanda delle imprese di avere personale preparato in aree giudicate strategiche per l’economia”. L’ inizio della scuola per l’anno 2015-2016 è intanto fissato il 14 settembre. Chiusura il 9 giugno.