Home » Cosa succede in città » Terrorismo: scuola e resistenza agli estremismi religiosi
Comitato diritti umani

Terrorismo: scuola e resistenza agli estremismi religiosi

di ilTorinese pubblicato lunedì 30 maggio 2016

Islam, violenza, immigrazione, terrorismo e radicalizzazione: sono questi i temi del convegno “Scuola e resistenza alle narrazioni dello Stato islamico e dell’islamofobia”, ospitato a Palazzo Lascaris

islam consiglio

“Il percorso formativo – ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale proposto dall’iniziativa organizzata dal Comitato regionale per i Diritti umani ha colto l’attualità sociale di un mondo senza più confini, in particolare sul terreno della prevenzione dei fenomeni di radicalizzazione che si possono verificare con l’avvento di una società multiculturale”. Il progetto iniziale, ideato dall’Associazione d’arte e cultura Leon Battista Alberti, prevedeva infatti il coinvolgimento di studenti e docenti dell’area metropolitana torinese in un iter educativo per promuovere la prevenzione del terrorismo, focalizzando l’attenzione sulle radici culturali, sociali e psicologiche del fenomeno. Successivamente è stata sviluppata l’idea di un seminario sull’Islam e le sue radicalizzazioni, con il coinvolgimento di diciannove classi degli istituti superiori dell’area metropolitana. “L’iniziativa – ha proseguito il presidente del Consiglio – assume un valore notevole poiché si rivolge alle scuole, alle giovani generazioni, nelle quali deve attecchire il seme della tolleranza e della tutela dei diritti”. Nel corso del dibattito Alberto Sinigaglia, presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, ha evidenziato l’importanza di una corretta informazione su temi così delicati e attuali, costantemente presenti sui giornali e nelle trasmissioni televisive. “Ruolo del giornalista – ha concluso Sinigaglia – è tutelare i cittadini, verificando la veridicità dei fatti e l’autenticità delle fonti di provenienza delle notizie”. La discussione è stata poi completata da un intervento video del viceministro degli Affari esteri che ha sottolineato quanto la coesione sociale sia un elemento fondamentale in una società che vuole, e ha l’obbligo, di capire le radici profonde di fenomeni moderni come jhiadismo, terrorismo ed estremizzazione. Al termine degli interventi dei relatori sono stati premiati i lavori multimediali presentati dagli studenti degli istituti superiori: Itis Pininfarina di Moncalieri, Iiss Baldessano-Roccati di Carmagnola, Iis Prever di Pinerolo, Liceo Curie di Collegno, Liceo e Istituto magistrale Berti, Liceo Cattaneo, Itis Peano, Liceo Volta e Itis Grassi, questi ultimi tutti di Torino.