Home » LIFESTYLE » Da Schumann a Beethoven, il trionfo della musica romantica
Il 29 e 30 aprile

Da Schumann a Beethoven, il trionfo della musica romantica

di ilTorinese pubblicato mercoledì 29 aprile 2015

regio 2

Eccezionale concerto in Germania della Filarmonica del Teatro Regio di Torino che accompagna il pianista Kit Armstrong

 

 

Concerto d’eccezione mercoledì 29 e giovedì 30 aprile, in Germania a Ludwigshafen al Festival BASF,  in occasione del quale la Filarmonica del Teatro Regio  accompagnerà il pianista Kit Armstrong, nell’ambito del Festival Basf-Ludwigshafen. Da oltre novanta anni  Basf presenta, nella sua città natale di Ludwigshafen, artisti di fama internazionale e giovani promesse internazionali. Il programma dei concerti Basf è composto da una sessantina di eventi l’anno, nei settori della musica classica, jazz, rock e pop, e risulta uno dei più interessanti progetti musicali della regione del Reno. Dal lontano 1921 musicisti di livello internazionale si sono esibiti in Ludwigshafen e, nel novembre del 1929, anche Richard Strass partecipò all’inaugurazione della sala Feierabendhaus dell’azienda.

 

Per due serate la Filarmonica del Regio accompagnerà Kit Armstrong nell’esecuzione  del concerto per pianoforte e orchestra di Robert Schumann, sotto la direzione di Yang Yang, che interpreterà anche la Sinfonia n. 6 di Ludwig van Beethoven,  la Pastorale.Il Concerto in la minore per  pianoforte e orchestra di Schumann nasce in un periodo creativo che si colloca tra il 1841 e il 1845, uno dei meno drammatici e tormentati della vita del musicista, che aveva potuto sposare Clara Wieck,  pianista di notevole talento e sua preziosa collaboratrice.  Nel 1841 Schumann scrisse l’Allegro per pianoforte e orchestra con il titolo Fantasia, che di lì a poco sarebbe diventato il primo tempo; quindi, sul consiglio entusiastico della stessa Clara, compose anche un Intermezzo e un Finale, completando il più romantico di tutti i concerti della letteratura pianistica. Il concerto, dedicato a Ferdinand Hiller,  fu presentato per la prima volta a Lipsia nel gennaio 1846 nella interpretazione di Clara Schumann, sotto la direzione dell’orchestra di Mendelssohn,  e fu lo stesso Schumann a dirigere poi a  Vienna e a Praga, suscitando maggiori consensi tra il pubblico che tra i critici.

 

La Sinfonia n. 6 in fa maggiore di Beethoven, meglio conosciuta come Pastorale, fu concepita probabilmente nel 1802, anno in cui era stato eseguito, per la prima volta, l’Oratorio di Haydn.  Beethoven, amante della natura, non si lasciò sfuggire l’occasione di comporre un lavoro a sfondo pastorale, ma alla forma dell’Oratorio preferì invece quella sinfonica, capace di non subire imposizioni dal testo letterario. Beethoven in questa Sinfonia non si limitò a una semplice descrizione della natura, ma si propose di manifestare, grazie alla magia degli strumenti musicali, l’intensità dei sentimenti. Dedicata al principe Lobkowitz e al conte Rasumovsky,  iniziata nell’estate del 1807, ebbe termine nel mese di maggio del 1808. Alcuni ascoltatori lamentarono la lunghezza del concerto, che si spingeva fino a un nono pezzo, una Sinfonia, e al decimo, un Sanctus, preceduti dal gran finale, la Fantasia per pianoforte, coro e orchestra.

 

Mara Martellotta

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE