Home » ECONOMIA E SOCIALE » Santi sociali torinesi modello per i ministri del G7
Un incontro promosso dall'Ucid

Santi sociali torinesi modello per i ministri del G7

di ilTorinese pubblicato martedì 26 settembre 2017

Esiste un sottile fil rouge tra I temi trattati in questa settimana dai ministri del Lavoro del G 7, in corso alla Reggia di Venaria, vale a dire l’innovazione e il lavoro, e la tradizione per cui Torino è nota in questo campo, dalla rivoluzione industriale ottocentesca ai più recenti sviluppi nell’innovazione di tipo aerospaziale e ingegneristico, come nel settore di eccellenza del Politecnico

L’Ucid ha organizzato lunedì 25 ottobre scorso un incontro al Collegio degli Artigianelli, in concomitanza con la settimana del G 7 e in vista della 48esima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, che si riunirà a Cagliari a fine ottobre per discutere sul tema ” Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo, solidale”. Tema dell’incontro promosso dall’Ucid è stato quello sull’attualità dei Santi sociali torinesi, possibile e auspicabile modello per i ministri del G7 riuniti alla Venaria Reale. Sono intervenuti don Danilo Magni, direttore dell’ Opera Torinese del Murialdo, che ha sede nel Collegio degli Artigianelli, don Andrea Bonsignori, direttore delle Scuole del Cottolengo, e don Stefano Mondin, delegato per la Pastorale giovanile dei Salesiani del Piemonte e Valle d’Aosta. Moderatore il presidente dell’Ucid, ingegner Alberto Carpinetti. “L’intuizione geniale dei Santi sociali torinesi – ha affermato don Andrea Bonsignori – è stata quella di individuare i soggetti sociali fragili e di fare delle loro fragilità dei punti di forza. La scuola presente all’interno del Cottolengo è aperta alla multiculturalita’ e sviluppa le potenzialità e specificità delle persone con disabilità, valorizzandone la loro unicità. Purtroppo nella nostra società violenza e discriminazione vanno di pari passo. Il grande gesto innovativo che ha compiuto il beato Cottolengo è stato anche quello di raccogliere per strada le ragazze disabili e quelle che avevano subito violenza, raggruppandole in un ordine di suore. Al contempo non si fece mai intimidire dalla corruzione presente anche alla sua epoca tra le classi agite e la combatte’ fortemente”. “Il Murialdo – ha affermato Danilo Magni – è stato un altro Santo sociale torinese molto attento a salvare i ragazzi di strada, promuovendo con il Collegio degli Artigianelli la fondazione di una scuola che potesse affiancare a un’educazione religiosa quella pratica di apprendimento di un mestiere. Oggi sarebbe auspicabile rivedere, prima ancora dei modelli lavorativi, quelli educativi e puntare sulla formazione, per arginare il dilagare dei cosiddetti “neet”, le persone di età compresa tra i 20 e i 30 anni, assolutamente demotivati nei confronti dello studio, ma anche di una scelta lavorativa”. Esiste poi anche una precisa responsabilità da parte delle realtà imprenditoriali. Secondo Don Bosco, per esempio, i talenti, dono di Dio, debbono essere posti al servizio della comunità e del bene comune, come ha dimostrato un lavoro comune di collaborazione attuato di recente tra diversi professionisti e il collegio degli Artigianelli, coadiuvato dalla Fondazione Agnelli.

 

Mara Martellotta

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE