Home » LIFESTYLE » Al Sant’anna è nato…il Passaporto culturale
CULTURA E WELFARE

Al Sant’anna è nato…il Passaporto culturale

di ilTorinese pubblicato martedì 14 ottobre 2014

Ogni famiglia di un nuovo cittadino nato all’ospedale S.Anna riceverà un “Passaporto” con cui visitare gratuitamente Palazzo Madama per la durata di un anno dalla data della nascita

 

PASSAPORTO

Recentemente nell’Aula Magna dell’ospedale S.Anna è stata presentata l’iniziativa “Nati con la cultura”.Si tratta di un progetto particolare promosso dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus insieme con Palazzo Madama. A illustrarlo è stata la stessa Presidente della Fondazione, Prof.ssa Chiara Benedetto: ogni famiglia di un nuovo cittadino nato all’ospedale S.Anna riceverà un “Passaporto culturale” con cui visitare gratuitamente Palazzo Madama per la durata di un anno dalla data della nascita. L’iniziativa ha rivestito un’importanza particolare perchè presentata in occasione del vertice dei ministri europei della cultura( 23e 24 settembre) cui ha partecipato anche il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, che ha fatto pervenire il suo saluto tramite il Sindaco Fassino. “Il progetto – ha spiegato la Prof.ssa Benedetto -rappresenta la tappa conclusiva di un percorso avviato dalla Fondazione sul ruolo e il valore della cultura per il benessere e la salute della persona.

 

”I familiari dei nuovi nati, inoltre, potranno scegliere un’opera o un ambiente del Palazzo per scattare una foto con il bambino, come ricordo della sua prima esperienza culturale in un museo.”Il museo diventa così una risorsa attraverso cui ricercare il proprio benessere fin dai primi passi, luogo di cittadinanza attiva e di accoglienza parentale.” Nati con la cultura” intende creare un legame con il patrimonio culturale della città,che rafforzi il senso d’identità e di appartenenza per i nuovi cittadini, italiani e stranieri”. Grazie a un cantiere dell’Arte creato dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna si sta trasformando la percezione dell’ospedale come luogo reso più caldo e accogliente.”Nati con la cultura” parte da Torino per diventare un modello adottabile nel mondo, come forma profonda di appropriazione del patrimonio, un’azione di rete come efficace strumento per un nuovo”welfare”,come indicano i risultati della ricerca scientifica e le politiche comunitarie.

 

Le Fondazioni Torino Musei e medicina a Misura di Donna hanno presentato il progetto a George Christophides, Presidente di WFCa (World Unesco Club Movements), l’associazione internazionale che raggruppa i centri UNESCO nel mondo,che ha dichiarato la volontà di diffondere i progetti eccellenti della Fondazione Medicina a Misura di Donna, auspicando che almeno un ospedale e un museo in ogni città dove sorge un centro UNESCO possano adottare il Passaporto culturale.

                                                          

Mauro Reverberi