Home » Cosa succede in città » Sanità, nove arresti per appalti truccati all’Asl To1
MALASANITA'

Sanità, nove arresti per appalti truccati all’Asl To1

di ilTorinese pubblicato mercoledì 25 febbraio 2015

LETTO OSPEDALE

Il commento dell’assessore alla  Sanità, Antonio Saitta: “La sanità piemontese svolterà solo quando nomineremo i nuovi direttori delle Asl e, di conseguenza, i direttori sanitari e amministrativi

 

La Guardia di finanza ha effettuato un blitz all’Asl To1  e all’ospedale San Luigi di Orbassano. Le fiamme gialle hanno effettuato perquisizioni e arresti in merito ad appalti irregolari. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Andrea Beconi.

 

Sono nove  gli arresti e  23  le perquisizioni tra Torino, Genova, Milano e Parma. Le indagini sono state condotte per due hanni  dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Torino, per smantellare  un “articolato sistema di aggiudicazione fraudolenta di appalti pubblici – dicono all’Ansa gli inquirenti – organizzato grazie ad amicizie ed interessi reciproci tra imprenditori e dirigenti del settore sanitario locale”. I reati che vengono contestati sono: associazione per delinquere, turbativa d’asta, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, corruzione, falso ideologico in atti pubblici, frode nelle pubbliche forniture e danneggiamento di sistemi informatici.

 

Il commento dell’assessore alla  Sanità, Antonio Saitta: “La sanità piemontese svolterà solo quando nomineremo i nuovi direttori delle Asl e, di conseguenza, i direttori sanitari e amministrativi. Sceglieremo queste figure non per lottizzazione o meriti politici, ma per competenze”.  Saitta  annuncia l’intenzione di voler creare  un “servizio ispettivo” sugli  atti amministrativi e le procedure.