Home » prima pagina » Saldi al via, le vendite potrebbero aumentare fino al 10% ma non in periferia
Secondo il sondaggio di Confesercenti la percentuale di chi è intenzionato a cogliere le opportunità dei saldi (76. 9%) aumenta di qualche punto rispetto alla scorsa stagione

Saldi al via, le vendite potrebbero aumentare fino al 10% ma non in periferia

di ilTorinese pubblicato giovedì 30 giugno 2016

saldixxxSi stima che, grazie alla  la stagione dei saldi, in partenza sabato 2 luglio, le vendite dovrebbero aumentare del 5-10%,  nei negozi del centro, però, non nelle periferie. Loo scontrino medio dovrebbe aggirarsi sui 180-250 euro a nucleo familiare. Queste le previsioni di Ascom e di Confesercenti per Torino e provincia, che  sono orientate a un cauto ottimismo. Secondo il sondaggio campione di Confesercenti  la percentuale di chi è intenzionato a cogliere le opportunità dei  saldi (76. 9%) aumenta di qualche punto rispetto alla scorsa stagione (72,1%). In crescita (al 28,8% rispetto al 24,7%) anche  il numero di chi intende spendere di più. Aumenterebbe pure il valore dello scontrino: il 35,2% indica una spesa media da 100 a 250 euro, il 30,1% da 250 a 500, il 23% sotto i 100 e l’11,7% oltre i 500 euro.Potenza di internet:  Ascom e Confesercenti registrano vendite in aumento nei negozi presenti sui social. Vedremo se le previsioni corrisponderanno alla realtà.

 

(foto:  il Torinese)