Home » Brevi di cronaca » Rosso: “Contro il sistema, come fecero gli americani in guerra”
Una scelta non proprio per la Appendino ma contro Fassino

Rosso: “Contro il sistema, come fecero gli americani in guerra”

di ilTorinese pubblicato sabato 11 giugno 2016

ROSSO2Roberto Rosso, forte del suo  per cento di consensi dell’area di centro attribuitogli dagli elettori ha sciolto le riserve: “noi siamo contro il sindaco uscente, ma lasciamo libertà di voto”. Insomma, non proprio per la Appendino, ma contro Fassino. Dice il candidato sindaco centrista: “Nella campagna elettorale abbiamo detto che vogliamo cambiare il sistema e né Fassino né Appendino hanno accettato di sottoscrivere il nostro programma sulla sicurezza. Per questo io vi chiedo di  votare contro Fassino e il sistema Torino. Siamo come in guerra e quindi bisogna schierarsi e combattere il nemico più pericoloso, lo fecero gli americani durante la seconda guerra mondiale: è vero che appoggiarono gli stalinisti, ma contro i nazisti”.

LE REAZIONI

Chiara Appendino «Ho appreso della conferenza stampa di Roberto Rosso. Sono pronta a raccogliere quella voglia di cambiamento espressa da lui e da tantissimi torinesi, come ho già ribadito più volte sono convinta che i voti appartengano ai cittadini, che devono esercitare un voto consapevole in base al programma e alle persone.Torino ha bisogno di essere nuovamente aperta alla competenza e al merito. Come più volte abbiamo detto, lo slancio propulsivo che deriva dal piano strategico si è ormai esaurito e, purtroppo, assistiamo ad un sistema chiuso nel quale vengono nominate sempre le stesse persone – ha concluso Chiara Appendino – Ho seguito i principi di trasparenza e competenza per scegliere la mia giunta, dando la possibilità a coloro che avessero voluto mettersi a disposizione della città. Da Sindaco seguirò il medesimo metodo anche per le future nomine e mi impegno a inserire il semestre bianco per impedire negli ultimi sei mesi di mandato di effettuare nomine».

Piero Fassino all’Ansa: : “Ognuno è libero di fare le proprie scelte. Io continuo a rivolgermi a tutti gli elettori e continuo a presentarmi con le mie idee e le mie proposte concrete”.

Per Osvaldo Napoli, Forza Italia, il paragone con stalinisti e nazisti è “sopra e oltre ogni logica del buon senso. Il caldo gioca brutti scherzi e ogni tanto l’intelletto se ne va in vacanza”.

(foto: il Torinese)