Home » prima pagina » Rolando, il mastino delle meraviglie: dopo il 28 farà 29, 30 e 31?
UNA VOLTA SPENTE LE LUCI E FERMATA LA GIRANDOLA DI EVENTI DI LIBROLANDIA C'E' DA STAR CERTI CHE L'INOSSIDABILE PICCHIONI LASCERA' AL PALO I SUOI TANTI AUTONOMINATI EREDI ALLA SUCCESSIONE

Rolando, il mastino delle meraviglie: dopo il 28 farà 29, 30 e 31?

di ilTorinese pubblicato domenica 17 maggio 2015

PICCHIONI

salone romanzoSALONE LIBRO XXSALONE 569lingotto salonesalone 483SALONE 284salone 555salone 667IL GHINOTTO DELLA DOMENICA

Il “Picchio” è l’uomo chiave per pilotare la “creatura” fra gli scogli di prime e seconde repubbliche, di maggioranze cangianti, di presidenti e assessori che vanno … mentre lui resta immutabile. E pronto a tutto pur di salvare la specificità torinese del Salone

 

E dunque, dopo ventotto edizioni, siamo arrivati all’Italia delle meraviglie, tema conduttore del Salone del Libro, gran kermesse onorata per l’inaugurazione dal presidente Mattarella, in corso nei padiglioni del Lingotto fino a domani. In effetti, non sono pochi i motivi di cui meravigliarsi per il successo di un evento dato spesso per defunto, o almeno molto malato, e che ogni anno risorge come l’Araba Fenice. Dopo l’avvio avventuroso di Angelo Pezzana e Guido Accornero, con un cambio di logo la Fiera viene saldamente presa in mano da una coppia di navigati promotori culturali, con profondi addentellati nella politica e nei salotti, Rolando Picchioni ed Ernesto Ferrero. In particolare il primo, è l’uomo chiave per pilotare la “creatura” fra gli scogli di prime e seconde repubbliche, di maggioranze cangianti, di presidenti e assessori che vanno … mentre lui resta immutabile, espressione tra le più congeniali (nel bene e nel male) del doroteismo democristiano d’antan.

 

Di minacce il buon Picchio ne ha dovute sventare parecchie. Quando il Salone trova la ribalta internazionale, i milanesi se ne accorgono e cercano di “riportare a casa” un evento che, neppure troppo a torto, vedrebbero meglio all’ombra della Madunina, dove hanno sede le principali case editrici nazionali. Peccato che non ci abbiano pensato per tempo e che questa volta, sulla loro strada, si trovino un mastino come Rolando, pronto a tutto pur di salvare la specificità torinese del Salone. Poi è arrivata la crisi, una crisi doppia per questa manifestazione che, da un lato, drenava una quantità più che cospicua di soldi pubblici, ora ridotti a livelli decisamente bassi; dall’altro puntava ad attrarre risorse private da piccoli editori (desiderosi di crescere) e dai grandi che non possono sottrarsi alla passerella. Ma l’Italia, oltre che delle meraviglie è il paese in cui i libri, se va bene, servono a riempire le librerie, giacendo inerti finchè l’erede di turno non ricorre al rigattiere. La crisi economica, l’affermarsi del digitale, le mode giovanili: tutti fattori che non giocano a favore della rianimazione di un prodotto, il libro, nato in età medievale e, spiace dirlo, con tutti i segni della sua vetustà.

 

C’è da aggiungere che ai torinesi, in genere, non piace vincere facile. Tu lanci la fiera del prosciutto San Daniele o del culatello di Zibello e la folla si mette in coda, come non avesse mai mangiato; o punti sul cinema, come Venezia o Cannes, e godi della visibilità delle star da tappeto rosso. Spettacolarizzare un parallelepipedo che richiede anche un certo tempo e fatica (oltre al fatto che la lettura è per definizione attività solitaria) è un’impresa da titani. Il Salone c’è riuscito con un mix di ingredienti, sconfinando sempre più in attività collaterali che dal libro prendono solo vago pretesto: così è stato per il prevedibile successo del “cooking”, dedicato alla passione planetaria più pervasiva del momento, la cucina. Ma anche i comics, o il semplice spettacolo: chi non ricorda il fracasso provocato allo stand Rai, con ragazzini a caccia di autografi di personaggi che, non dico di scriverlo, chissà quando hanno preso in mano un libro.

 

Comunque domani sera, prima di spegnere le luci e fermare la girandola di eventi, seminari, convegni, nel tagliare la tradizionale torta di fine Salone, c’è da star certi che Rolando – che in questi giorni ha “marcato il territorio” anche polemizzando con il Circolo dei Lettori – sfoggerà il solito sorriso a 32 denti, vantando nuovi record di visitatori, editori, vendite e di tutto di più, in quella che i suoi maligni avversari definiscono una corsa al gigantismo un po’ patologica e un po’ patetica. Ma soprattutto, lasciando al palo i tanti autonominati eredi e candidandosi a dirigere l’edizione 29,30,31,32…

 

Ghinotto

 

Ghino – vero nome Ghinotto – era fglio di Tacco, senese ghibellino giustiziato dai guelfi.  Decise di darsi alla macchia per vendicare il padre e perpetuarne l’eredità politica. Raccolse intorno a sé un gruppo di ribelli ed espugnò la rocca di Radicofani, con l’intento di riportare allo splendore i ghibellini sconfitti, esercitando nel frattempo il buongoverno sul suo villaggio. Ghino di Tacco era anche lo pseudonimo con cui Bettino Craxi firmava i suoi corsivi al vetriolo sull’Avanti!, dopo aver assunto con orgoglio l’identità del “Robin Hood”  ghibellino cui Eugenio Scalfari, per condannarlo, l’aveva paragonato.

 

(Foto: il Torinese)