Home » Brevi di cronaca » Rivive l’ara votiva dei caduti
Parco della Rimembranza di Torino

Rivive l’ara votiva dei caduti

di ilTorinese pubblicato mercoledì 23 maggio 2018

 

Giovedì 24 maggio  alle ore 10,30  si svolgerà la cerimonia di inaugurazione del restauro e recupero dell’ARA votiva dei Caduti Torinesi della Prima Guerra Mondiale.

Nell’anno finale del centenario della Grande Guerra e a novant’anni dalla posa a scopo commemorativo dell’ARA nel Parco della Rimembranza del Colle della Maddalena, l’Associazione di promozione sociale ARTES – Torino composta da restauratori, artigiani, architetti ed ingegneri ne riporta in auge l’antico splendore attraverso, eseguendo il restauro a titolo gratuito a favore della città. L’Ara Votiva, realizzata in travertino scalpellinato e completata di trofeo di rami d’alloro e di quercia, daga e elmo in bronzo, identifica il valore simbolico del Parco della Rimembranza che lungo i suoi viali alberati raccoglie, nome per nome, la memoria di 4.904 Soldati torinesi caduti in combattimento nella Prima Guerra Mondiale, di tutte le Armi e Specialità delle forze armate (2.583 fanti, 508 artiglieri, 356 alpini, 280 genieri, 277 bersaglieri, 211 mitraglieri, 135 aviatori, 22 dirigibilisti, 107 della milizia territoriale e compagnia presidiaria, 83 granatieri, 68 automobilisti, 67 della sanità, 57 dei reparti d’assalto, 50 cavalieri, 40 marinai, 31 di commissariato e sussistenza, 21 carabinieri, 5 finanzieri, 3 cappellani). Il Parco, che rappresenta anche un’originale collezione di specie arboree di particolare individualità scientifica, è suddiviso in 46 sezioni ciascuna dedicata a eventi e località della Grande Guerra in un ideale percorso di memoria che dall’Ara attraversa i Luoghi Sacri della Patria. Dal 1988 gli Alpini della Sezione di Torino ne curano la manutenzione periodica per conto del Comune. Il recupero dell’Ara nel Centenario della Prima Guerra Mondiale si unisce a questo impegno sociale e vuole rappresentare prima di tutto un solenne omaggio di riconoscenza a tutti i suoi soldati e al loro sacrificio per l’Unità d’Italia ma anche il contributo responsabile a nome della collettività tutta per la tutela e valorizzazione di un patrimonio di esemplare significato valoriale e di grande bellezza naturalistica e botanica.

 

L’iniziativa è inserita nel calendario degli eventi dell’anno Europeo della Cultura 2018 e nel programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione per gli Anniversari d’interesse nazionale. A tale scopo, gode della collaborazione del Consiglio Permanente delle Associazioni d’Arma di Torino e del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Piemonte, della Città metropolitana di Torino, del Comune di Torino e della Circoscrizione 8.

Inoltre ha ricevuto il Patrocinio del Ministero della Difesa e del Comando Militare Esercito Piemonte.

 

Quest’intervento segue quanto già realizzato da ARTES, col recupero del rifugio antiaereo al di sotto del Palazzo di Città nel 2015. Il presidente di Artes Ninni Jasch:“Con il restauro dell’Ara nel Parco della rimembranza, che segue il recupero del rifugio antiaereo al di sotto del Palazzo di Città, ARTES ha l’ambizione di diventare un valido supporto all’amministrazione pubblica per il recupero e restauro di monumenti dimenticati, o poco valorizzati mettendo in campo le sue professionalità e le sue conoscenze dei suoi associati con progetti di valorizzazione dei mestieri e dell’artigianalità.” Il recupero dell’Ara è stato realizzato con la fattiva collaborazione dell’Associazione Nazionale Alpini Sezione di Torino che ha supportato l’esecuzione del restauro e con anche Assoarma Torino. Il recupero è stato realizzato dall’Associazione ARTES aps grazie al contributo di Fondazione CRT.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE