Home » CULTURA E SPETTACOLI » “Ricette sognate” il libro dei bimbi del Regina Margherita
“Se non possiamo dargli ciò che desiderano facciamoglielo almeno disegnare”

“Ricette sognate” il libro dei bimbi del Regina Margherita

di ilTorinese pubblicato domenica 21 dicembre 2014

regina_margherita

Nel volume sono riportati i disegni dei piatti desiderati dai bambini che, sottoposti allo stretto regime alimentare pre e post operatorio, spesso sognano cibi che non possono mangiare

 

Un assegno da 5000 euro è stato consegnato alla Divisione di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino. E’ il ricavato della vendita di “Ricette Sognate” (Sabbiarossa Editrice), un libro frutto di un’idea del personale della Divisione e realizzato con il sostegno di Nova Coop, che l’ha inserito tra le proprie iniziative di solidarietà.

 

Nel volume sono riportati i disegni dei piatti desiderati dai bambini che, sottoposti allo stretto regime alimentare pre e post operatorio, spesso sognano cibi che non possono mangiare. “Se non possiamo dargli ciò che desiderano facciamoglielo almeno disegnare” ha pensato chi segue quotidianamente i piccoli malati  ed è così nata una pubblicazione completata dalle ricette scritte dai genitori e, in alcuni casi, da ricette (con relativi disegni) di medici e infermiere.

 

“Ricette Sognate” è in vendita nelle seguenti Librerie: Belgravia via Monginevro 44 bis; Comunardi via Bogino 2B; Stampatori via S. Ottavio 15; Il Melograno corso Racconigi 11; Diest via Cognetti Fe Martis 39/A; Al Ponte – Giaveno; Città del Sole – Bussoleno.

      

 

I disegni di questa raccolta sono l’elaborazione grafica dei piatti desiderati da bambine e bambini dai quattro ai quindici anni, ricoverati nel reparto di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale Regina Margherita di Torino, accompagnati dalla ricetta elaborata dalla madre o dal padre. Accanto a questi ci sono anche alcune ricette e i relativi disegni dei chirurghi-pediatri e delle infermiere, che condividono quotidianamente e “amorevolmente” le “diete forzate”, i digiuni a cui i bambini devono attenersi prima e dopo l’intervento chirurgico.