Home » LIFESTYLE » Il ricco programma di Peperò fino al 6 settembre
66° ANNO PER LA KERMESSE DI CARMAGNOLA

Il ricco programma di Peperò fino al 6 settembre

di ilTorinese pubblicato martedì 1 settembre 2015

carmagnola 2

Il calendario di eventi è davvero fittissimo con momenti culturali, presentazioni di libri, la rassegna “Il peperone incontra l’alta cucina”, sport, cabaret, musica, laboratori, il tutto all’insegna di sua maestà, protagonista assoluto della manifestazione, il Peperone

 

Dopo la partenza sulle note della Società Filarmonica locale in piazza Sant’Agostino, “Peperò”, nome che è stato aggiunto quest’anno alla tradizionale “Sagra del Peperone”, giunta alla sessantaseiesima edizione, è entrata nel vivo e continua il suo cammino sino a domenica 6 settembre. Gli orari della Sagra sono nei giorni feriali dalle ore 19 alle 24, sabato dalle 16 alle 24 e domenica dalle 10 alle 24, mentre nella Piazza dei Sapori si seguirà l’apertura della Sagra con chiusura alle ore 0.30. Il calendario di eventi è davvero fittissimo con momenti culturali, presentazioni di libri, la rassegna “Il peperone incontra l’alta cucina”, sport, cabaret, musica, laboratori, il tutto all’insegna di sua maestà, protagonista assoluto della manifestazione, il Peperone. E i primi commenti del pubblico sulla location, sugli eventi e sulla qualità dei prodotti enogastronomici sono stati tutti entusiasti, confortati anche dal notevole afflusso del primo fine settimana. In contemporanea alla Sagra si sviluppano anche una serie di mostre, “Delle dissonanze: Ermanno Barovero – Mario Gosso – Angela Guiffrey –Francesco Peverino” a Palazzo Lomellini, “Emozioni e sentimenti in collezione di Leonardo Vannella” alla Biblioteca Civica, la personale di Carlo Sismonda nella Saletta d’arte Celeghini, Yarn Bombing con peperoni all’ingresso della Municipio. E poi ancora le associazioni carmagnolesi, nel centro cittadino, presentanoi loro progetti di solidarietà all’insegna del denominatore comune”Carmagnola,la città, il mondo”. Anche quest’anno la Sagra ha un social partner dell’evento: si tratta della Fondazione Forma, Fondazione dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, ospita nello stand della Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant’Albano Stura insieme alla quale proporrà, sabato e domenica, l’iniziativa “Riso per un sorriso”, un pacco di riso in una confezione di juta per una donazione. Invece nel salone del Chiostro della chiesa di San Filippo i produttori del Paniere  dei prodotti tipici della Città Metropolitana di Torino presentano i loro prodotti, antiche mele piemontesi, ciapinabò di Carignano, vini della collina torinese, liquore Genepy, antichi mais piemontesi, menta di Pancalieri, miele delle vallate alpine, patata di montagna, peperone di Carmagnola, prodotti da forno escluso il pane,salame di Giora di Carmagnola, toma di Lanzo. Ai giovanissimi, invece, la Sagra dedica due iniziative, “Sport & avventura” a cura del Cai Monviso di Carmagnola, e “Uniti per proteggere”. E ogni giorno ci sarà il luna park in piazza Martiri. E tra gli appuntamenti da ricordare c’è quello di giovedì, alle ore 21 nell’ambito delle Serate al Margot, al circolo Arci di via Donizzetti 23, su “La mafia dopo Falcone Borsellino”. Incontro con Giancarlo Caselli, in collaborazione con il presidio di Libera”Il Karma di Ulysses”.

Massimo Iaretti