Home » vetrina5 » Renata Guga Zunino: il figurativo si rinnova
AL MUSEO CIVICO DI MONCALVO

Renata Guga Zunino: il figurativo si rinnova

di ilTorinese pubblicato venerdì 21 aprile 2017

Renata Guga Zunino accoglie, tramanda e rinnova un prototipo femminino liberato da preoccupazioni classiche, da deformazioni e astrattismi conservando l’oggettivazione dell’Idea a dimostrazione che il figurativo non smette mai di essere infinitamente nuovo se svolto da un vero artista.

Un’arte personalissima la sua che presenta una funzione liberatrice da strettoie accademiche e da omologazioni di certe imperanti accademie dell’avanguardie che banalizzano quelle che sono state le geniali provocazioni dei pionieri dell’avanguardia novecentesca.

Guga Zunino attua una rivalutazione della forma e dei contenuti mediante un caleidoscopio di visi e corpi femminili che paiono rimandare a un’eco di misteriosi ritratti del Fayum, di ieratiche icone bizantine, di sensuale sfrontatezza delle dame di Fontainebleau, con impronte surrealistiche di Magritte e Delvaux, che deve essere visto solo come suggestione formale.

Lo spirito che anima i dipinti è esclusivamente espressione di sublimazione di se stessa che invita ad una stagione di raffinati e preziosi piaceri innalzandola ad un mondo superiore, in una dimensione sacrale di sacerdotessa della seduzione.

Come in un rituale si pone al centro di un sipario teatrale per farsi ammirare e dare l’illusione di concedersi; in realtà è inafferrabile, quando si crede di averne possesso fisico e mentale, diventa qualcos’altro, si trasforma in cento, nessuna, centomila attraverso un processo vitalistico che la trasmuta ora in zarina ora in fumatrice di ricordi e ospite di un immaginario lussuoso Hotel Lisbona, equilibrista e clandestina ma anche madonna o santa Teresa d’Avila.

Avvolta nella malia di un giardino delle delizie, si offre come femmina del proprio tempo con nostalgie di ori bizantini e secessionisti, di fluenti chiome preraffaellite, di arabeschi e gioielli liberty entrando nell’immaginario collettivo del simbolismo e del decadentismo stravolgendone i significati grazie a una sorta di divertissement.

Il serpente che spesso l’avvolge non è mortale avvertimento della crudele femme fatale di Von Stuch che porta l’uomo alla perdizione ma si trasforma in soffice sciarpa o pelle dei pantaloni della “Equilibrista”.

Coniugando serietà e humor, realtà e sogno, attraverso il comune denominatore della seduzione, l’astuta protagonista non si lascia sfuggire l’uomo in adorazione, lo incanta e lusinga con promesse, che chissà se poi manterrà, e lo inonda di gocce di sangue, simbolo del torbido eros, che prendono l’aspetto di una cascata di petali di rosa.

 

Giuliana Romano Bussola

***

Prosegue al Museo Civico di Moncalvo, diretto da Antonio Barbato, con allestimento di Giancarlo Boglietti e presentazione di Giuliana Romano Bussola, sino al  4 giugno la mostra “ Autoritratto ovvero caleidoscopio” di Renata Guga-Zunino.

Apertura sabato e domenica dalle  10 alle 18. Giorni feriali su richiesta cell 3277841338    Tel 0141917427