Home » prima pagina » Spese pazze: Pd, l’archiviazione può attendere
A SETTEMBRE UDIENZA A SORPRESA PER LE POSIZIONI CHE SEMBRAVANO ARCHIVIATE. CHIAMPARINO: "HO FIDUCIA NEI MIEI ASSESSORI"

Spese pazze: Pd, l’archiviazione può attendere

di ilTorinese pubblicato sabato 19 luglio 2014

consiglio X 1I politici coinvolti sono quasi tutti del centrosinistra (anche l’ex “governatora” Mercedes Bresso), tre del centrodestra e il leader del Movimento 5 Stelle, Davide Bono

 

Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco, diceva qualcuno. L’udienza in tribunale, a porte chiuse, per valutare se archiviare o no 18 ex consiglieri regionali del Piemonte dall’inchiesta sulle “spese pazze” di Rimborsopoli è un fulmine a ciel sereno per il centrosinistra che pensava che i giochi fossero ormai fatti, con il salvataggio giudiziario di quasi  tutta lex coalizione di minoranza che – più o meno – è l’attuale di maggioranza. Potrebbero essere veramente archiviati, ma anche no. E la novità sta proprio qui.

 

Infatti il giudice Roberto Ruscello vuole esaminare le posizioni,  al momento in stand by, in camera di consiglio il  prossimo 22 settembre. I politici coinvolti sono quasi tutti del centrosinistra (anche l’ex “governatora” Mercedes Bresso), tre del centrodestra e il leader del Movimento 5 Stelle, Davide Bono. Tre cittadini si erano opposti all’archiviazione. Avevano forse notato che le spese dei consiglieri “graziati” erano sospettosamente simili a quelle dei “decapitati”? Se sono lecite o illecite per gli uni dovrebbero essere lecite o illecite allo stesso modo per gli altri. O no?

 

Dato che alcuni dei consiglieri che ora si trovano tra coloro che son sospesi ricoprono incarichi in Giunta (oltre ad un altro nome di spicco, il capogruppo e segretario regionale Davide Gariglio) il presidente Sergio Chiamparino si è affrettato a rilasciare dichiarazioni di stima nei loro confronti: “Ho piena fiducia nei due assessori Reschigna e Cerutti, e non cambio in alcun modo il giudizio che ho di loro. Sono certo che usciranno pienamente da questa vicenda”. Così  ha dichiarato all’Ansa dopo la decisione del giudice.

 

Nel frattempo, l’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale ha approvato una delibera sulle risorse per le dotazioni strumentali fornite ai gruppi consiliari, in attuazione di quanto disposto dalla legge regionale che aveva soppresso il contributo in denaro e previsto un nuovo sistema di erogazione di beni e servizi.

 

 “Con la delibera di oggi l’Udp ha cercato di coniugare due esigenze di pari dignità: il rispetto dei princìpi ispiratori della legge che ha soppresso i contributi ai gruppi consiliari e il rispetto dei gruppi stessi, che devono comunque essere messi nelle condizioni di lavorare agevolmente, in piena autonomia e secondo la dignità dovuta al loro ruolo e al loro compito”, spiega il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus .

 

 La delibera, oltre a definire le dotazioni che risultano totalmente a carico dell’Ente (dalle sedi agli arredi, dalle postazioni informatiche agli impianti tecnologici di base), stabilisce quali sono invece le dotazioni che i gruppi consiliari possono richiedere al Consiglio, con apposita domanda del presidente di ogni gruppo. Si tratta di materiale di cancelleria, spese postali e telefoniche, dotazioni informatiche accessorie, acquisto di giornali e riviste.

 

Per questi beni e servizi si stabilisce che la spesa non possa superare i 7.500 euro annui a consigliere, un tetto inferiore di circa il 13% rispetto a quanto previsto dai parametri di spending review indicati dalla Conferenza Stato-Regioni.

 

Non potranno invece essere ammesse a bilancio del Consiglio regionale le spese di rappresentanza dei gruppi, le spese per consulenze, studi e incarichi e qualsiasi altra spesa riconducibile all’attività di partiti e movimenti politici: secondo la nuova delibera, saranno comunque i presidenti dei gruppi a dover vigilare e garantire che tutte le dotazioni e i servizi siano utilizzati unicamente a scopi istituzionali.

 

Un ultimo sussulto anticasta dopo l’abolizione dei vitalizi e la riduzione delle spese effettuata dall’ex presidente Valerio Cattaneo.