Home » ECONOMIA E SOCIALE » La Regione e la riforma delle Ipab
PER LA TERZA ETA'

La Regione e la riforma delle Ipab

di ilTorinese pubblicato mercoledì 10 febbraio 2016

anziani danzaL’obiettivo è quello di rilanciare la loro attività di servizio  a fronte di una domanda in  aumento a causa di una popolazione che invecchia sempre più

La Regione Piemonte intende attuare la riforma  delle Ipab, le  Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza dedicate alla cura degli anziani e degli infermi. Sul territorio sono 274, tra residenze per anziani e anche per minori, scuole materne. Secondo un recente disegno di legge dovrebbero essere sotto il controllo della Regione, trasformate giuridicamente in aziende pubbliche di servizi alla persona e in istituzioni private in base a criteri economici e considerando il patrimonio immobiliare consolidato in una storia di secoli, che supera i 200 milioni di euro.L’obiettivo è quello di rilanciare la loro attività di servizio  a fronte di una domanda in  aumento a causa di una popolazione che invecchia sempre più.