Home » prima pagina » Sanità, o si taglia o si muore. Chiamparino: “Time is over”
IN ATTESA CHE IL "SALVA PIEMONTE" DIVENTI REALTA' I CONTI REGIONALI PREOCCUPANO E IN PIAZZA SI SCATENA LA PROTESTA CONTRO I TAGLI AGLI OSPEDALI

Sanità, o si taglia o si muore. Chiamparino: “Time is over”

di ilTorinese pubblicato lunedì 24 novembre 2014

regione giunta

giunta regionale chiampa

A Susa un migliaio di cittadini ha manifestato in piazza D’Armi di fronte all’ospedale che la Giunta regionale intende ridurre a struttura di area disagiata chiudendo  il reparto di ginecologia

 

 AGGIORNAMENTO

“Time is over – dichiara Sergio Chiamparino all’Ansa a proposito della riforma degli ospedali – se qualcuno pensa che basti una manifestazione per cambiare una decisione, non è così. Le uniche modifiche possibili sono quelle che possono avvenire a parità di soldi, tempi e qualità dei servizi”.

 

L’allarme era stato lanciato dal presidente Anci e sindaco metropolitano Piero Fassino in Parlamento: per città e province, a causa dei tagli del governo,  si rischia il default. E anche il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, che si trova a fare i conti con la pesante situazione finanziaria del suo ente, aveva parlato  di “rischio effetto domino” poiché le competenze delle amministrazioni necessitano di risorse o è l’inizio della fine. E per la Regione Piemonte è anche peggio del previsto.

 

La pesante situazione finanziaria che ha portato la Regione alla riforma ospedaliera di Antonio Saitta sta dando vita a proteste sul territorio, nonostante il governatore regionale abbia spiegato ai suoi che senza i tagli nelle strutture sanitarie si rischia il fallimento. A Susa un migliaio di cittadini ha manifestato in piazza D’Armi di fronte all’ospedale che la Giunta regionae intende ridurre a struttura di area disagiata chiudendo  il reparto di ginecologia. E’ stato il comitato «Io ho partorito a Susa» ad organizzare la protesta che ha raccolto l’adesione  di diversi sindaci dei comuni della Valleche, presenti con le fasce tricolori. Al corteo sono intervenuti  anche parlamentari e consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle.

 

Attraverso le colonne della Stampa Claudio Savio, portavoce del comitato, dice «negano il diritto sanitario alle piccole donne e ai piccoli uomini del futuro, la Valsusa è molto lunga e le donne dovranno percorrere distanze anche di 70-80 chilometri». Ora si vedrà se la manifestazione annunciata si terrà anche a Verbania, patria dell’assessore al Bilancio Aldo Reschigna, titolare della impegnativa delega al Bilancio regionale. Reschigna ha condiviso in pieno la linea Chiamparino: o si taglia o si muore. Anche il segretario regionale Pd, Davide Gariglio richiama tutto il partito al senso della responsabilità. Di fronte alle necessità i localismi devono essere abbandonati. La Regione spera che l’incontro con il ministro Padoan dei giorni scorsi dia il via al famoso Salva Piemonte, che rappresenterebbe una boccata di ossigeno per le casse regionali.