Home » prima pagina » A Palazzo clima da fine impero: la Regione di Super-Sergio in scadenza come una scatola di pelati?
DOPO APPENA OTTO MESI LA LEGISLATURA DI "CHIAMPA JUPITER" RISCHIA DI TERMINARE PER LA VICENDA DELLE FIRME FALSE. IL GOVERNATORE: "COME SE MI FOSSI ISCRITTO ALLA MARATONA SENZA CERTIFICATO MEDICO"

A Palazzo clima da fine impero: la Regione di Super-Sergio in scadenza come una scatola di pelati?

di ilTorinese pubblicato domenica 1 marzo 2015

chiamp consiglio

giunta regionale chiampachiampa manifestoREGIONE PALAZZOconsiglio X 1IL GHINOTTO DELLA DOMENICA

il presidente ha lanciato il cuore oltre l’ostacolo, toccando il tempo al Tar e dicendo che aspetta non oltre luglio, poi darà le dimissioni se il tribunale non prenderà una decisione. Se l’avesse fatto uno del centrodestra si sarebbe gridato allo scandalo, alla forzatura nei confronti dei giudici, alla mancanza di rispetto verso il Tar. Invece l’ha fatto lui ed è stato ampiamente lodato, e lo deve essere in effetti, perchè si tratta di un bell’espediente retorico, che gli permette di guadagnare qualche mese, poi chi vivrà vedrà

 

La decima legislatura della Regione, dopo appena otto mesi, è già a scadenza, come una banalissima scatola di pelati! E così in poche settimane si è passati da “Chiampa Jupiter” a un clima da fine impero. E’ questa la sensazione che aleggia nei corridoi di Palazzo Lascaris, soprattutto dopo che il Tar ha reso note le motivazioni per cui ha ammesso il ricorso della leghista Borgarello contro le firme false. Ovvero il fatto che si debba ora verificare, non appena la procura avrà dissequestrato i documenti originali, quante siano le firme fasulle o falsamente autenticate, presentate a sostegno del listino di Chiamparino. Ne servono 1.750 di buone, ne furono presentate 500 e rotti di più, ma non pare un margine molto ampio se solo si pensa che l’accertamento della falsità dell’autentica comporta che decadano tutte le firme di un foglio, che ne contiene 25…

 

E senza il listino valido non vale nulla dire che la vittoria della coalizione è indiscutibile, perché ha addirittura doppiato l’avversario. Perché, se le firme false faranno scendere sotto la soglia minima quelle “buone”, è come se alla gara Chiampa “avesse partecipato dopato”, come ha osservato in aula la forzitalica Claudia Porchietto. Pure nell’atmosfera tesa, si deve dare atto a Chiampa di aver reagito con la consueta ironia: non dopato, ma “è come se mi fossi iscritto alla maratona senza il certificato medico”. Forse dimenticando però, che in tal caso, verrebbe comunque squalificato.

 

Di fronte a una maggioranza angosciata (e un’opposizione pensierosa), super-Sergio ha lanciato il cuore oltre l’ostacolo, toccando il tempo al Tar e dicendo che aspetta non oltre luglio, poi darà le dimissioni se il tribunale non prenderà una decisione (che comunque non potrebbe essere definitiva, perché esiste ancora il Consiglio di Stato). Se l’avesse fatto uno del centrodestra si sarebbe gridato allo scandalo, alla forzatura nei confronti dei giudici, alla mancanza di rispetto verso il Tar. Invece l’ha fatto lui ed è stato ampiamente lodato, e lo deve essere in effetti, perchè si tratta di un bell’espediente retorico, che gli permette di guadagnare qualche mese, poi chi vivrà vedrà. Ampollosa anche la richiesta alle opposizioni di stringere un patto sulle cose urgenti da fare: con una maggioranza di 32 su 51, a chi deve chiedere permesso? Ma Chiampa l’arte della disinformazione l’ha ancora imparata alla scuola delle Frattocchie, anche se forse laggiù non era il primo della classe. Ora che l’ambiente politico è un po’ decaduto, il suo astro brilla come quello di Talleyrand.

 

Il tanto vituperato ex-presidente Cota, che era troppo “naif” per usare politica e retorica come cortine fumogene, si è però tolto la soddisfazione di dire che non crede all’impegno delle dimissioni a luglio, perché quando il Sergio venne nominato presidente della Compagnia San Paolo promise apertamente che non avrebbe mai più fatto politica, e si è visto come è andata a finire. Insomma, Chiampa non può fare come Faruk d’Egitto, sempre vittorioso al tavolo da poker, senza che mai nessuno chiedesse di “vedere”, perché dopo aver dichiarato le carte in possesso subito aggiungeva “parola di re!”

 

La maggioranza ha comprato tempo, direbbero gli economisti, e ora si prepara alle spine delle prossime settimane, che non sembrano poche. Al proposito, l’incredulo Ghinotto deve rettificare il suo precedente intervento domenicale. La procura di Torino ha aperto un fascicolo sulle dichiarazioni di Soria circa presunti contributi e vantaggi da lui assegnati a mezzo mondo politico e vip. Lo si scrive qui, doverosamente per i lettori ma anche perché – mentre tre quotidiani su quattro stampati in Piemonte – l’hanno riferito con diversa evidenza, se n’è scordata la redazione torinese di Repubblica. E si aggiunge, per i gazzettieri di regime, una puntualizzazione: la prescrizione, quand’anche fosse già scattata, può sempre essere rifiutata dall’interessato che voglia puntare sull’assoluzione piena.

 

Ghinotto

(Foto: www.regione.piemonte.itwww.cr.piemonte.it – il Torinese)