Home » prima pagina » Presto un nuovo centro per i migranti, ma la Regione: “Alleggerire gli arrivi”
LA SCELTA RICADRÀ SU UNA STRUTTURA AL DI FUORI DELLA PROVINCIA DI TORINO. L'ASSESSORE AUSPICA "TEMPI DI REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO BREVISSIMI”

Presto un nuovo centro per i migranti, ma la Regione: “Alleggerire gli arrivi”

di ilTorinese pubblicato venerdì 3 luglio 2015

ProfughiLo scopo è diminuire il carico di lavoro e di presenze del Centro Polifunzionale di Settimo Torinese, in difficoltà per l’elevato numero di arrivi

 

AGGIORNAMENTO / 1 L’assessore all’Immigrazione, Monica Cerutti, ha annunciato che la Regione chiederà al  1ministero dell’Interno di alleggerire il peso dell’accoglienza dei migranti a carico del Piemonte.”In questi giorni – ha dichiarato Cerutti ad una riunione nella Prefettura di Torino – vi è stato un flusso straordinario di arrivi dovuto anche al riequilibrio voluto dallo stesso ministero e le strutture territoriali sono sotto pressione. Abbiamo appreso con favore della disponibilità del Comune di Settimo Torinese nel continuare a contribuire a gestire i flussi migratori in Piemonte. Abbiamo però intenzione di affiancare la struttura gestita dalla Croce rossa internazionale con un altro centro di prima accoglienza”.

 

AGGIORNAMENTO / 2 Una struttura da 150 posti sarà allestita a Settimo (che accoglie già 200 profughi) , nel centro Fenoglio, per ospitare i migranti in transito da Torino durante l’estate. Nel frattempo saranno individuati nuovi spazi in altri comuni dell’area metropolitana. Lo ha comunicato il sindaco di Torino Piero Fassino al termine della riunione in Prefettura. 

 

Mentre il caso migranti è sempre più infiammato dal punto di vista delle schermagliecerutti politiche e delle polemiche mediatiche, la Regione Piemonte annuncia che avrà presto un nuovo centro di prima accoglienza su proprio territorio. Lo comunica  l’assessore regionale all’Immigrazione, Monica Cerutti. “La soluzione ideale è una caserma in disuso – dice all’Ansa – e la scelta ricadrà su una struttura al di fuori della provincia di Torino”. Lo scopo è di alleggerire il carico di lavoro e di presenze del Centro Polifunzionale di Settimo Torinese, in difficoltà per l’elevato numero di arrivi di profughi in pochi giorni, all’incirca 1.300. Ogni anno il centro di Settimo vede transitare oltre 15.000 persone prevalentemente di origine nigeriana, ma anche provenienti dal Mali e dal Burkina Faso. L’assessore auspica “tempi di realizzazione di questo progetto brevissimi”.