Home » Brevi di cronaca » Referendum, il Sì dei “giovani turchi”
Una raccomandazione: si abbassino i toni della polemica

Referendum, il Sì dei “giovani turchi”

di ilTorinese pubblicato sabato 15 ottobre 2016

si-referendumUna parte di ciò che si autodefinisce sinistra riformista torinese, firmando un documento per il si al referendum, si è data appuntamento venerdì al circolo della stampa. Parterre estremamente qualificato dei cosiddetti “giovani turchi ” gli onorevoli Anna Rossomando e Umberto D’Ottavio ed il senatore Stefano Esposito. Li avevo lasciati da più di un anno. Volevano (e voglio) far ragionare il nostro Premier Matteo Renzi.  Il loro convinto sì è la prosecuzione di questa loro ipotesi politica. Sul palco Vincenzo Ferrone, Massimo Salvadori, Giuseppe Recuperati.  Sintesi: un sì per sancire il cambiamento. Una assicurazione: nessun pericolo di oligarchia. Una raccomandazione: si abbassino i toni della polemica e  un impegno di migliorare ciò che può essere migliorato della riforma. Conclusioni di Vannino Chiti nel merito della riforma.  Se Matteo Renzi vuole e spera di vincere dovrà promuovere e moltiplicare simili iniziative. 

Patrizio Tosetto