Home » LIFESTYLE » Il ragazzo del risciò, tra belcanto e musicalità tradizionale cinese
L'opera di Guo Wenjing

Il ragazzo del risciò, tra belcanto e musicalità tradizionale cinese

di ilTorinese pubblicato martedì 22 settembre 2015

toro regio teatro

Al teatro Regio in scena il 23 e 24 settembre un grande affresco della Cina dei primi del Novecento

 

Pechino a Torino, due realtà apparentemente così lontane, ma ora così vicine, nell’ambito della rassegna di Mito Settembre Musica,  grazie alla messinscena,  mercoledì 23 e giovedì 24 settembre prossimi, prossimi alle 20, dell’opera in due atti “Il Ragazzo del risciò”, al teatro Regio di Torino, in prima europea. L’opera, commissionata dal National Centre for The Performance Arts di Pechino al compositore Guo Wenjing,  e eseguita in prima mondiale a Pechino il 25 giugno 2014, approda ora al teatro Regio, grazie all’accordo firmato dal sovrintendente dell’ente lirico torinese, Valter Vergnano, con il Presidente del Ncpa, Cheng Ping.

 

Articolata in due atti, su libretto di Xu Yin,  l’opera è tratta dall’omonimo romanzo dello scrittore Lao She (1899-1966), uno dei massimi rappresentanti della letteratura cinese del Novecento.  Il ragazzo del risciò è un adolescente di campagnaadolescente, giunto a Pechino all’inizio del Novecento in cerca di fortuna, di nome Xiangzi.  L’obiettivo che si prefigge è di avere un risciò tutto suo; tuttavia, nonostante la buona volontà e il lavoro duro, i suoi progetti verranno vanificati dalla guerra, dai rovesci della fortuna e da una società dominata dal dio denaro. Pechino emerge in una luce sinistra, quale una città sporca e decadente, ma, al tempo stesso, vivace e caotica, che fa da sfondo, assolutamente non casuale, alla storia, vibrante di vita, e partecipe delle sfortuna dei più deboli. Il punto nodale della drammaturgia dell’opera è rappresentato dal rapporto tra il ragazzo e il suo risciò,  con il quale intrattiene un legame quasi viscerale. I due si muovono all’interno di un gigantesco affresco, in cui il veicolo è la metafora della libertà,  ma, al contempo, anche un giogo crudele. Il servo vuole affrancarsi dal suo padrone, ma rimane, insieme, vinto dall’oggetto che aveva sempre sognato.

 

Il compositore dell’opera, Guo Wenjing,  nato a Sichuan nel 1956, si è formato presso il Conservatorio di Pechino, decidendo, a differenza di altri suoi illustri colleghi, come Tan Dun e Chen Yi, di vivere e lavorare in Cina. In quest’opera mescola abilmente il belcanto con la vocalità cinese, tecniche di composizione occidentale a sonorità tipiche della musica tradizionale, dando vita a un ensemble molto originale nel panorama operistico contemporaneo.

 

Nella recita del 23 settembre, il cast vantera’ la presenza di Han Peng come tenore, nel ruolo del protagonista,  di Sun Xiuwei (soprano) nel ruolo di Hu Niu, e, tra gli altri, come soprano,  nel ruolo di Xiao Fuzi, di Song Yuangming.

 

 (Foto: il Torinese)

Mara Martellotta