Home » Brevi di cronaca » Ragazzina suicida, ok alla messa in prova dei bulli
ACCUSATI DI AVERE PROVOCATO LA MORTE DELLA GIOVANE

Ragazzina suicida, ok alla messa in prova dei bulli

di ilTorinese pubblicato venerdì 17 giugno 2016

violenza drammaIl tribunale per i minorenni di Torino ha approvato la richiesta di messa alla prova dei cinque ragazzi, oggi in età compresa tra 18 e 19 anni, accusati di avere causato, con  atti di cyberbullismo, il suicidio di Carolina Picchio, la quattordicenne di Novara che si uccise gettandosi dal balcone di casa  nel gennaio 2013. La decisione definitiva sul tipo di programma che gli indagati dovranno seguire giungerà solo  il prossimo 12 ottobre. I cinque giovani  erano accusati di violenza sessuale di gruppo, produzione e diffusione di materiale pedopornografico, oltre ad atti persecutori con l’aggravante della morte della ragazzina. Tra gli imputati c’è anche l’ex fidanzatino di Carolina, rimasto tetraplegico dopo un incidente. In aula  anche i genitori della giovane.