Home » POLITICA » Questo Pd ha paura di fare i conti con sé stesso. Altro che Zapatero
Non bisogna essere dei fenomeni d' analisi politica per capire cosa sta succedendo

Questo Pd ha paura di fare i conti con sé stesso. Altro che Zapatero

di ilTorinese pubblicato martedì 26 giugno 2018
Si è arenato l’effetto Salizzoni, Ivrea al centrodestra . Con poche parentesi il centro sinistra governava la città dal 1975. Un’ altra ” piccola Stalingrado” cede il passo ad altri. Ovviamente auguri di buon lavoro a chi ha vinto. Non bisogna essere dei fenomeni d’ analisi politica per capire cosa sta succedendo. In particolare nella logica del ballottaggio. Centrodestra e grillini si alleano in “disprezzo” ai candidati in qualche modo legati al Pd. Ed il Pd fa ciò che da alcuni anni gli è congeniale : perde le elezioni, con il Piemonte e la nostra Provincia che non sfuggono a questa logica. Il tutto  condito dal ritorno del non voto, intorno al 50%. Dunque un pezzo di votanti di sinistra non sono andati a votare. E qui la sconfitta del Pd è duplice. elettorale e politica.  Politica perché il Pd non attrae più.  Non attrae più come elettori e come capacità di alleanze. Un partito che di fatto non vuole andare a congresso .Perché? Forse ha paura di fare i conti con se stesso. Che qualcosa abbia sbagliato è indubbio. Mi permetto di sottolineare un punto: la propria essenza e la coerenza di chi aderisce al partito. Ma se il Pd decidesse di affrontare la sua vera essenza non sarebbe più il Pd che abbiamo conosciuto in questi anni. Per un semplice fatto: sono gli stessi da più di 30 anni. Anni fa ho letto il libro scritto da Zapatero. Descriveva come è perché il partito socialista aveva perso le elezioni vinte dai popolari. Descriveva come è perché era stato scelto come segretario dei socialisti. Poi, vincendo, dopo le elezioni divenne Premier. 
***
In sintesi: in cosa aveva sbagliato la sinistra? Tutto. In cosa dovevano cambiare? In tutto. Prima su tutto e tutti cambiare chi dirigeva il partito. Scelto Zapatero scelse nuovi collaboratori, si creò una nuova piattaforma politica e fecero due congressi. Vinsero le elezioni. Il Pd o almeno una parte del Pd Non ne vuole sapere, appunto, di congresso. Sono lapalissiano? Si, credo persino anche un po’ banale. Ma ci sarà un motivo che tutti ma proprio tutti gli scottanti problemi (dall’ emigrazione al lavoro ) si ritorcano contro il Pd. Il successo degli altri non può essere ascritto alla loro propaganda. Mi si obbietta; porti ad esempio Zapatero di decenni fa.  Vero, ma come è vero che non sceglierò il Pd sta decretando la sua estinzione. Vedo solo una soluzione. Una separazione consensuale. Ma c’ è un altro motivo. La speranza di raccogliere l’ eventuale malcontento di un elettorato deluso dalle mancate promesse non realizzate di pentastellati e leghisti. E per me la delusione si tradurrà in un non voto. Europee e Regionali sono alle porte. Mi sembra – anche qui – che questo Pd sia in difficoltà se non in uno stato di confusione. Almeno nella nostra regione. Difficolta perché non riescono a trovare un candidato comune e gradito a tutto il centro sinistra. Confusi perchè non sanno che metodo utilizzare. Il caos regna sovrano.  Anche per questo i delusi dal presente non verranno intercettati da questo partito  senza bussola e senza  rotta.
Patrizio Tosetto
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE