Home » CULTURA E SPETTACOLI » “Quella volta che il circo arrivò a Orta”, romanzo di Laura Travaini
A quel tempo la vita del piccolo borgo lacustre scorreva lentamente

“Quella volta che il circo arrivò a Orta”, romanzo di Laura Travaini

di ilTorinese pubblicato lunedì 28 novembre 2016

E’ in uscita  Quella volta che il circo arrivò a Orta”, romanzo di Laura Travaini, edito da “Daniela Piazza”.La prima presentazione si terrà venerdì 16 dicembre, alle 19, sul lago d’Orta, nella cornice di Palazzo Ferrari Ardicini a Gozzano, e sarà accompagnata da una degustazione di prodotti dell’eccellenza del territorio novarese. L’evento sarà organizzato dall’assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Gozzano, dalla Biblioteca travainiAugusto Mazzetti in collaborazione con Daniela Piazza Editore. La trama del romanzo rimanda il lettore all’ottobre del 1943 quando gli ultimi strascichi di un temporale accolgono l’arrivo di Amelia Dente sul lago d’Orta. Giornalista romana, inviata in precedenza al confino nelle Marche che , rimasta impigliata nelle trame strette della rete dei nazifascisti – che, sotto la spinta dell’avanzata degli Alleati, ripiegavano sempre più verso il nord dell’Italia – venne trasferita a Orta San Giulio. A quel tempo la vita del piccolo borgo lacustre scorreva lentamente , quieta,  intessuta di piccoli e semplici eventi. Ma ogni tramonto portava con sé lo scoccare del coprifuoco, gli allarmi antiaerei lanciavano troppo spesso il loro grido, e intorno la guerra partigiana incalzava. A scompigliare la compostezza del paese, nell’inverno del 1945 arrivò il Circo Gallareto, con il suo proprietario e direttore Anacleto. Dall’incontro fra chi viveva nel borgo e i nuovi arrivati, una dopo l’altra ,quasi fossero grani intrecciati di un rosario, prendono corpo tra le pagine del romanzo le storie dei circensi. Il loro pas­sato affiora, mescolandosi alle vicende di chi si trovava sulle rive del Cusio. Felicità, scelte coraggiose, dolori profondi, nostalgie, vengono a galla. Poi,  il ritrovamento di un cadavere infonde nell’aria di lago un soffio di mistero, richiama fatti ed eventi legati alla guerra. Pesanti illazioni costringono, ad un certo punto, il Circo ad andarsene. E, con la fine della guerra, il ritorno a Roma della giornalista Amelia. E il Circo? Tornerà il Circo Gallareto a incrociare il cammino della donna? Manterrà, l’amore sboc­ciato al Sacro Monte che domina l’abitato di Orta, la sua promessa, intrigante e solenne? Ovviamente le risposte si ORTA LAGOtrovano tra le righe del romanzo, ben scritto e ricco di suggestioni. L’autrice, Laura Travaini, vive a Orta San Giulio e, nel 2011, ha fondato insieme ad alcuni scrittori e chef l’associazione “Scrittori e Sapori”, della quale è presidente. Organiz­zatrice di eventi culturali e culinari, ha curato e condotto le presenze di “Scrittori e Sapori” a EXPO Milano 2015, nello spazio del Cluster del cacao e del cioccolato, collaborando con Eurochocolate e con la Regione Piemonte. Ha curato l’antologia “Il Gusto del Piemonte. Tradizioni Piatti Scritti” (premio letterario Libri da Gustare2013 per la sezione Il cibo in letteratura). Ha partecipato all’antologia “Exponovels. Food on the Lake District” (Edizioni dEste, 2015). Il suo ultimo libro, “Curve di cioccolato. Intrecci di storie e di cioc­colato”, uscito per Edizioni dEste nella doppia versione italiano-inglese, ha vinto il premio Eurochocolate Award 2015 per l’editoria.

Marco Travaglini