Home » ECONOMIA E SOCIALE » Quando i migranti cantano in piemontese
INTEGRAZIONE IN MONTAGNA. UN MODELLO VIRTUOSO

Quando i migranti cantano in piemontese

di ilTorinese pubblicato sabato 20 agosto 2016

MONTAGNENon c’è soltanto la squadra interrazziale di rugby della società Le Tre Rose, nel Casalese,  a promuovere l’integrazione dei migranti richiedenti asilo attraverso una disciplina sportiva. La montagna piemontese sta sviluppando altri modelli virtuosi. Per limitare i numerosi interventi alla Città Metropolitana di Torino, nelle Valli di Lanzo, i migranti accolti in diversi Comuni (tra cui Lemie e Pessinetto) hanno formato un coro che rugby migranticanta in piemontese, due (fortissime) squadre di calcio, diverse attività che creano opportunità di lavoro e volontariato per le donne e gli uomini fuggiti dalle guerre e dalle miserie. In Canavese, a Castellamonte, Borgiallo, Montalenghe i migranti lavorano in accordo con i Comuni: modelli che si stanno estendendo e diventano esempi per altri centri. A Chiesanuova, dal 2001 arrivano stranieri di tutte le etnie e di tanti Paesi: da 15 anni si fa integrazione con il Comune in prima fila. In Val Chisone e in Val Pellice, dal 2011 a oggi, l’Area migranti della Diaconia Valdese ha promosso e realizzato numerosi progetti di accoglienza e supporto a richiedenti asilo e rifugiati.

Massimo Iaretti

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE