Home » LIFESTYLE » Quando i colli monferrini viaggiano in Autobianchi
MOLTI I TORINESI PRESENTI

Quando i colli monferrini viaggiano in Autobianchi

di ilTorinese pubblicato lunedì 3 luglio 2017

Erano una cinquantina le Autobianchi che hanno preso parte al raduno “Colline del Monferrato in Autobianchi” che si a svolto in Valcerrina, tra Mombello Monferrato e Gabiano, in particolare la frazione Cantavenna, che si affaccia sul suggestivo panorama della Valle del Po e del “mare a quadretti delle risaie”. Ad organizzarlo il Registro Autobianchi, presieduto da Marco Lerda, con la collaborazione di Laura Lodi, e il fiduciario per il Monferrato, Paolo Pensa (salito recentemente agli onori della cronaca per avere avviato a Casale Monferrato l’esperienza pilota, ed unica, della squadra interraziale di rugby Le Tre Rose). I partecipanti, alcuni dei quali avevano partecipato ad un momento conviviale sabato 1 luglio nella frazione Gaminella di Mombello Monferrato, domenica 2 luglio sono confluiti a Cantavenna, frazione di Gabiano, dove la giornata è iniziata con la visita al Museo storico delle Truppe Alpine, creato nel corso degli anni dall’alpino Carlo Monti, vera e propria “miniera” al sole di documenti e testimonianze delle penne nere nella prima e nella seconda guerra mondiale. E a Monti il Registro Autobianchi ha omaggiato un piccolo presente in argento a forma di cappello alpino. Molti dei partecipanti provenivano non solo da tutto il Piemonte, ma anche dalla Liguria, dal Veneto, dalla Lombardia, essendo una manifestazione del genere un sicuro modo per fare conoscere la realtà delle colline del Monferrato Casalese. “E’ da dieci anni che facciamo questa iniziativa in tutto il Monferrato” ha detto Laura Lodi, mentre il consigliere delegato al turismo dell’Unione Valcerrina, Massimo Iaretti, nel ringraziare i partecipanti ha auspicato “che si possa organizzare un’altra manifestazione, sempre in Valcerrina, zona che è a cavallo tra 3 Patrimoni dell’Unesco (Crea, il Monferrato vitivinicolo e la Collina Torinese), magari parte di un itinerario che parta dal Cristo Pantocratore di San Mauro Torinese, prosegua per l’Abbazia di Santa Fede a Cavagnolo per arrivare a Crea, passando per Gabiano e per Cerrina ed Odalengo”. Poi il gruppo è partito alla volta dell’azienda vitivinicola Sbarato, è tornato alla Locanda del Rubino a Cantavenna, dove alla presenza del figlio Massimo, si è tenuto il decimo memorial intitolato a Giorgio Gastaldi, che come lo ricorda Paolo Pensa: “E’ stato l’indimenticabile ed indimenticato dirigente della Abarth, il signore delle A112 che dirigeva i trofei monomarca Fiat/Abarth, ad iniziare proprio dal Trofeo A112 per passare alla Uno 70, Uno Turbo (cui ho partecipato io, e nel 1993 lo accompagnai ad Rally di Montecarlo per seguire i vincitori del Trofeo 500 che, come premio, avevano avuto la possibilità di partecipare alla competizione”.