Home » prima pagina » Quando il cinema si riempie di stelle
ATMOSFERA DA "NUOVO CINEMA PARADISO"

Quando il cinema si riempie di stelle

di ilTorinese pubblicato lunedì 25 agosto 2014

Un vecchio ma allo stesso tempo nuovo modo di vivere il grande schermo che, almeno per un’estate, ha unito i ricordi dei nonni con il presente dei nipoti

 

paradiso

Un grosso schermo bianco, un cielo blu notte e la lieve e soffusa luce delle stelle; il tutto per far da contorno ad una serata torinese un po’ diversa dalle altre. Quest’estate, proprio i torinesi, hanno visto la loro città catapultarsi nei nostalgici “bei tempi andati” con l’allestimento del famoso cinema all’aperto, creazione inizialmente americana e diventato poi sogno di famiglie ed intimità di coppie di tutto il mondo per più di ottant’anni.

 

In un epoca in cui tutto si modernizza ed in cui il digitale fa da padrone, non è così semplice mantenere viva una tradizione passata di generazione in generazione come quella del cinema all’aperto.

 

Quest’anno il comune di Torino (benchè i risultati dello scorso anno non fossero stati così soddisfacenti) ha riproposto, in più zone della città, una rassegna cinematografica completamente sotto le stelle.

 

Da Piazza Castello, dove sono stati riproposti alcuni classici che hanno fatto la storia del cinema (come ad esempio “Il laureato”, “La dolce vita” e molti altri), al Parco Rignon, che ha visto invece approdare sullo schermo allestito nell’area di fronte alla bellissima ma poco conosciuta Villa Amoretti, i più grandi successi della stagione appena trascorsa.

 

Entrambe le rassegne cinematografiche hanno avuto la loro inaugurazione tra l’ultima settimana di giugno e la prima di luglio, per poi concludersi negli ultimi giorni di agosto. “Cinema in Piazza” e “Notti di Stelle al Rignon”, sono state due rassicuranti costanti per tutte quelle famiglie, persone anziane ma anche per tanti giovani che, per contrastare forse il grigiore di un’estate tutt’altro che calorosa, hanno provato a lasciarsi affascinare dalla magia di un grande schermo incorniciato dal cielo e dalle bellezze della città; elementi che insieme hanno saputo sicuramente regalare emozioni.

 

Nonostante il clima non sia stato propriamente estivo, sono stati in molti a non farsi scoraggiare e a presenziare a quasi tutte le serate armati di maglioncini e pantaloni lunghi. Uno scenario abbastanza suggestivo che ha visto come protagonisti non tanto i film in programmazione, ma bensì una città che, al moderno mondo 3D o al più comodo ed economico mondo della pirateria web, ha deciso di contrapporre una meravigliosa e forse nostalgica tradizione come quella del cinema all’aperto.

 

Un’iniziativa brillante che racchiude in sé la bellezza e la delicatezza di quei racconti proveniente da un passato che lega e ci auguriamo sempre legherà le diverse generazioni; un vecchio ma allo stesso tempo nuovo modo di vedere il cinema che, almeno per un’estate, ha unito i ricordi dei nonni con il presente dei nipoti.

 

Simona Pili Stella