Home » prima pagina » Pugno duro da parte della sindaca Appendino sulla movida torinese. Niente alcol dopo le 20.00
DA QUESTA SERA FINO AL 30 SETTEMBRE SUBENTRA IL NUOVO PROVVEDIMENTO CONTRO LA VENDITA DI BEVANDE ALCOLICHE

Pugno duro da parte della sindaca Appendino sulla movida torinese. Niente alcol dopo le 20.00

di ilTorinese pubblicato venerdì 9 giugno 2017

Da stasera scatta il “proibizionismo” nei quartieri del divertimento notturno. Niente più “botellon” per le vie e le piazze del centro città.

Alle ore 20 di questa sera scatterà la fatidica ora “x” che vedrà il subentrare della nuova ordinanza varata dalla Sindaca Chiara Appendino, sul divieto di vendere alcolici e superalcolici da asporto in alcune zone della città. La stretta sulla cosiddetta “malamovida” avrà inizio dalle 20 di questa sera e proseguirà fino al 30 settembre 2017, imponendo l’assoluto divieto da parte di tutti gli esercizi commerciali presenti nella zona centro di Torino (Vanchiglia, San Salvario, piazza Vittario, via Po) di vendere alcolici e superalcolici da asporto dalle ore 20.00 fino alle ore 6.00 del mattino. Questa misura – considerata da molti drastica – era stata annunciata più volte dall’assessore al Commercio Alberto Sacco, con il fine di assicurare decoro e tranquillità in quelle zone in cui -soprattutto nei weekend- la “malamovida” fa da padrona. L’ordinanza n. 46/2017 emessa mercoledì dalla prima cittadina, si basa sui nuovi poteri che il decreto Minniti ha concesso ai sindaci e prevede norme restrittive riguardo al commercio di bevande con gradazione alcolica. Il provvedimento non inciderà sulla possibilità di servire tali bevande nei locali per il consumo sul posto ma implicherà che tutti i bar, i locali, i supermercati aperti 24 ore su 24 e i minimarket, se dovessero vendere o servire alcolici dopo le ore 20.00 potrebbero incorrere nel pagamento di una multa e nella chiusura dell’attività commerciale da un minimo di 7 ad un massimo di 30 giorni. << Si tratta della prima misura adottata dalla Città in vista della stagione estiva, per riportare alla normalità aree molto frequentate >> ha replicato l’assessore Alberto Sacco alle numerose proteste dei cittadini << Con l’ordinanza si invita alla moderazione, a limitare gli schiamazzi e i disagi nelle ore notturne, spesso generati proprio dal consumo in strada di alcolici acquistati nelle rivendite. La decisione, facendo appello alla serietà degli esercenti, intende favorire un consumo consapevole delle bevande nei locali ed è il preludio di ulteriori provvedimenti che prenderemo nei prossimi giorni a tutela della cittadinanza >>. Un provvedimento questo che se da una parte tutela la tranquillità e il riposo dei residenti di alcune zone del centro città, dall’altra penalizza e mette in difficoltà tutti quei commercianti che vivono sulla “movida” e sul divertimento dei giovani. Dopo i tragici avvenimenti di Piazza San Carlo, la stretta sul “botellon”, cioè i raduni spontanei nelle varie piazze o vie dove i giovani consumano bevande alcoliche all’aperto, sembra quasi un provvedimento obbligatorio. L’interrogativo che nasce spontaneo è capire però come questa ordinanza potrà evitare il commercio di bottiglie di alcolici da parte di tutti quei venditori abusivi che ormai da anni, ogni sera, si aggirano per le piazze e le vie della movida torinese. Se al commerciante tocca la multa e la chiusura temporanea del locale, cosa si potrà fare contro quei venditori abusivi che hanno creato un vero e proprio business intorno alla vendita per strada di bottiglie di ogni genere? Forse, invece di tutte queste misure restrittive che il più delle volte vanno a penalizzare le masse senza davvero “punire” i veri responsabili, si potrebbe mantenere lo stesso un pugno duro intensificando maggiormente i controlli da parte delle forze dell’ordine, in modo da avere una città pulita, sicura, non eccessivamente rumorosa ma soprattutto vivibile in tutte le sue forme e sfumature, compreso il divertimento.

Simona Pili Stella