Home » ECONOMIA E SOCIALE » La protesta degli allevatori in piazza Castello
MUNGITURA SOTTO LA REGIONE

La protesta degli allevatori in piazza Castello

di ilTorinese pubblicato sabato 7 febbraio 2015

MUCCHE AGRICOLTURA

Per ogni litro di latte, soltanto il 17% va all’allevatore

 

La mobilitazione degli agricoltori svoltasi nei giorni scorsi in piazza Castello a Torino aveva il titolo significativo di: “Un giorno da allevatore a Palazzo Reale”. “Mungere insieme per non essere munti” e “la nostra carne per il nostro Piemonte” sono stati invece gli slogan dell’iniziativa di protesta che ha visto sul palco gli interventi dei presidenti delle Federazioni provinciali di Torino e Cuneo con i presidenti di Alessandria, Asti, Vercelli-Biella e Novara-Vco. Alla manifestazione piemontese, con tanto di mungitura in piazza, ha preso parte anche una delegazione di Coldiretti Liguria e Valle d’Aosta. Presente l’assessore alle Attività Produttive Domenico Mangone, in rappresentanza del Sindaco Piero Fassino, con i gonfaloni e i sindaci dei comuni piemontesi. Messaggio di solidarietà dall’assessore regionale all’Agricoltura, Giorgio Ferrero: “Pieno sostegno agli allevatori e condivisione della delibera presentata in Regione per sostenere l’origine in etichetta e l’eliminazione della secretazione dei dati sull’importazione del latte e dei suoi derivati”.  Per ogni litro di latte, soltanto il 17% va all’allevatore. E dal 2007 la nostra regione ha perso il 16% di allevamenti e l’importazione di latte è un terzo di quello prodotto.