Home » Brevi di cronaca » Prostituzione: Masserano, Italia
Nel nostro paese cattolico affrontare le questioni del sesso come dei diritti civili è sempre stato un problema

Prostituzione: Masserano, Italia

di ilTorinese pubblicato martedì 24 aprile 2018
Sergio Fantone, sindaco di Masserano (Biella), mi è simpatico, pur non conoscendolo, per la sua ordinanza che multa fino a 500 euro chi consuma sesso a pagamento sul suo territorio. In verità ho raccolto giudizi non lusinghieri su di lui. Ma almeno ci tenta. Tenta di non avere più la disdicevole presenza di prostitute di colore e non sul suo territorio.  Deduco che la multa venga elevata anche ai clienti. Tecnicamente dovrebbe svolgersi in questo modo: un pubblico ufficiale coglie i trasgressori in flagranza di reato. Non so se sono previste prove documentali come fotografie. Poi eleva notificandola la multa ai trasgressori. Possono fare ricorso? Penso come tutti i cittadini multati. In altri comuni si sono fatte fotografie alle auto di clienti perché inosservanti del divieto di fermata. Il Tar ha dato ragione a chi ricorrendo ha di fatto vanificato l’efficacia dell’ ordinanza contro la prostituzione. Diffusissima in tutto il territorio del nostro paese. Come voler svuotare il mare con un cucchiaio. Sono 30 anni che transito in quei posti. Da almeno 20 sono presenti le prostitute. Insisto nella mia dichiarazione di simpatia verso il sindaco. Ha osato sfidare persino il ridicolo. Annosa e vecchia questione della prostituzione nel nostro paese come in tutti i paesi. In Germania, una terra di nessuno al confine con la Polonia è diventata mecca della prostituzione. Dopo mesi di anarchia un’apposita legge ha normato ed organizzato il tutto.
***
Ma si sa, loro sono tedeschi.  È ridicolo chi colpevolizza la legge Merlin. Votata nel 1956 e chiuse le case  definitivamente nel 1959. Prostitute censite 2300. Le dimensioni quantitative sono notevolmente cambiate. E la quantità ha inciso sulla qualità del fenomeno. Sono passati 60 anni e ci vogliono nuove leggi. E, all’italiana, sono 30 anni che parliamo di nuove regole. Tanti convegni, nessun fatto. Sandra Landi, giusto 30 anni fa nel suo libro Ritratti a tinte forti proponeva cooperative di prostitute autogestite. Ripresa dal Ministro Livia Turco e ovviamente (pateticamente aggiungo io) da diversi disegni di legge. Eppure una legge a tal proposito non costerebbe. Anzi forse porterebbe soldi all’ erario. Ma si sa,  nel nostro paese cattolico affrontare le questioni del sesso come dei diritti civili è sempre stato un problema. Sulla strada tra Masserano e Roasio non é solo un problema di sesso. E’ un problema di salute e di sicurezza, E anche di decenza. Proprio così, di decenza. E’ irritante vederle e fare di tutto per evitarle. Bacchettone? Ma sì, datemi pure del bacchettone. Ma sono decenni che aspetto una legge in proposito che ” tolga il fenomeno dalle strade”. Ne fai una questione morale? Anche. Soprattutto difendo  il mio diritto di vedere solo la baraggia e le risaie allagate per la crescita del riso. Chi vuole usufruire dei servizi delle prostitute faccia pure, ma non per strada. Si può discutere sulle forme di questa organizzazione. Ma non sulla necessità della regolamentazione del fenomeno.  Ma qui le chiacchiere stanno a zero.Non so se il sindaco di Masserano avesse in testa l’insieme. Ma se ci si ferma al solo sindaco si guarda il dito e non la luna.
.
Patrizio Tosetto
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE