Home » prima pagina » Pronto soccorso al collasso, intasati per il picco dell’influenza e la psicosi meningite
Una emergenza nell'emergenza: l'invecchiamento della popolazione torinese fa sì che questa situazione peggiori di anno in anno

Pronto soccorso al collasso, intasati per il picco dell’influenza e la psicosi meningite

di ilTorinese pubblicato mercoledì 4 gennaio 2017

sanita-molinette1Il picco dell’influenza e il fatto che spesso i sostituti dei medici di famiglia, (questi ultimi in vacanza) spesso non sono graditi ai pazienti e il gioco è fatto: pronto soccorso intasati negli ospedali torinesi, dalle Molinette al Mauriziano. E come se non bastasse c’è anche l’incubo meningite, una psicosi collettiva amplificata dai mezzi di informazione. Centinaia di persone con semplicimolinette2 febriciattole si precipitano in ospedale temendo il peggio. Tante le barelle messe nelle sale d’attesa, i familiari dei malati seduti sulle scale. E gli infermieri e i medici che fanno turni massacranti. A Torino non ci sono casi di meningite, anche se alle Molinette c’è un sospetto malato di Tbc che  sta tenendo impegnato diverso personale. In quasi tutti gli pronto-soccorso-ospedaleospedali si verifica il problema della mancanza di barelle tutte  occupate e disposte nelle sale e nei corridoi. Visto il sovraffollamento di parenti, alle Molinette si è pensato persino di aprire l’aula magna, ma non era riscaldata. In ogni pronto soccorso la media è di 200 passaggi giornalieri. Una emergenza nell’emergenza: l’invecchiamento della popolazione torinese fa sì che questa situazione peggiori di anno in anno.

 

(foto: il Torinese)