Home » Cosa succede in città » Pride e dintorni. Incontro con Marco Giusta, l’assessore giovane
Sabato 17 giugno appuntamento al corteo del Torino Pride.

Pride e dintorni. Incontro con Marco Giusta, l’assessore giovane

di ilTorinese pubblicato sabato 17 giugno 2017

Storie di città / di Patrizio Tosetto

Sicuramente Marco Giusta ha un suo stile. Diverso negli atteggiamenti politici da chi lo ha preceduto nell’incarico di assessore. Diciamolo cosi: non se la tira ed e’ stato subito disponibile a rilasciare questa intervista. Sabato 17 giugno appuntamento al corteo  del Torino Pride.

Mi fa contattare dalla sua segreteria dell’Assessorato alle Politiche Giovanili e Pari Opportunità per fissare giorno ed ora. E’ la prima volta che ritorno dopo un anno.

Sei tra i piu’ giovani assessori di Torino. Quanti anni hai?

35 , il più giovane dopo la sindaca in questa giunta…

Come sei diventato assessore?

Abbiamo contribuito come casa Arcobaleno alla stesura del programma dell’Appendino. Ci siamo incontrati e lei ha fatto molte domande. Poi ho risposto al bando. Sono stato scelto e sono contento del clima in giunta e del lavoro svolto fin qui.

Ma sei stato presidente Arci Gay. Un altro mondo rispetto ai pentastellati.

Infatti sono stato scelto per le mie competenze tecniche. Sono un assessore tecnico, ma con i pentastellati mi trovo molto bene.Tutti abbiamo voglia di capire ed imparare. Ottima la scelta di far entrare il capogruppo in giunta.

Di piazza San Carlo che mi dici…

Non conosco le procedure che hanno portato a questa scelta, ma penso di conoscere Chiara con la sua piu’ assoluta buona fede.

Che ne pensi di Giordana? 

Competente..forse un carattere un po’ scorbutico, ma sempre …appunto, competente.

Nessun problema dunque?

No, anzi ..tanti. Ma vogliamo fare e facciamo il nostro dovere.

Opposizione del Pd?

Sbagliano nel voler essere ‘ arbitro che si limita a fischiare i falli. Io ho ad esempio un ottimo rapporto con Ilda Curti mia predecessore. Tendo sempre al voler collaborare.

Da quanti anni ti interessi di diritti?

Oltre 10, ed ho avuto anche esperienze sindacali nella Cgil, tra cuneo e Torino.

Maggiore delusione?

Troppa burocrazia, realizzare e’ piu’ difficile di ciò che mi aspettavo e credevo. Bello comunque il rapporto umano con funzionari ed impiegati. In particolare del mio assessorato.

Maggiore soddisfazione?

Avere avvicinato il mondo associazionistico alle istituzioni.

Allora tutti al 17 al corteo del Torino Pride?

Assolutamente!

Oggi piu’ di ieri?

Assolutamente! Oggi che il Pride è uno degli appuntamenti di una settimana ricca di eventi in tutto il territorio da Torino a Bra.

(foto: il Torinese)