Home » LIFESTYLE » POSTO CHE VAI, “BUGIANEN” SOCIOPATICO CHE TROVI
Non ti guarda mai perché non ti vede mai

POSTO CHE VAI, “BUGIANEN” SOCIOPATICO CHE TROVI

di ilTorinese pubblicato giovedì 22 gennaio 2015

sociopatico

tetiPUNTI DI

(S)VISTA /

di Tersilla Garella

 

Non puoi accusarlo di essere una persona assente, perché ti scrive 25 ore su 24 e conosce nei minimi dettagli la tua vita. Ma se ti aspetti che ti chieda di vedervi, forse forse non è l’uomo per te. Ti sposerebbe domani, intendiamoci, perché tu, e tu sola, sei la donna della sua vita. O almeno questo si legge tra le righe.  Non si presenterebbe all’altare, ma in compenso ti manderebbe un messaggio con scritto “Lo voglio”. 

 

[…] Ti seguirei fino in capo al mondo/All’ultimo secondo/Volerei da te da Milano fino ad Hong Kong/Passando per Londra, da Roma fino a Bangkok” Così recita il tormentone dell’estate, che non a caso è cantato da una donna. Sì, perché un uomo così dinamico, almeno a Torino, deve ancora nascere. Sicuramente una volta nella vita tutte noi abbiamo avuto a che fare con un bugianen dei nostri giorni. E se pensate di appartenere alla casta privilegiata, immune da incontri di tal genere, vi esorto a ripassare in rassegna i singoli casi con i quali avete avuto a che fare. Perché di certo ve ne sta sfuggendo almeno uno. L’uomo perennemente attaccato al cellulare a scrivere messaggi. Un sociopatico che le telefonate non le fa. Che se per caso un giorno ti balzasse in testa l’assurda e malsana idea di chiamare, preparati. Perché o non ti risponderà – batti il cinque, mitico!- o ti toccherà sentire il tono di un uomo a cui tu abbia appena staccato accidentalmente la spina della Play Station, che ti chiederà: “Scusa ma perché mi chiami??” Cavolo, mi dispiace! Ma a cosa stavo pensando, accidenti?!

 

Un individuo rispetto al quale persino Hannibal Lecter, se omettiamo quel trascurabile vizietto che lo contraddistingueva, sarebbe stato una persona più normale. Perlomeno lui le sue vittime le guardava negli occhi, prima di divorarle. E invece il bugianen sociopatico no, non ti guarda mai perché non ti vede mai. Non puoi accusarlo di essere una persona assente, perché ti scrive 25 ore su 24 e conosce nei minimi dettagli la tua vita. Ma se ti aspetti che ti chieda di vedervi, forse forse non è l’uomo per te. Ti sposerebbe domani, intendiamoci, perché tu, e tu sola, sei la donna della sua vita. O almeno questo si legge tra le righe, insomma. Non si presenterebbe all’altare, ma in compenso ti manderebbe un messaggio con scritto “Lo voglio”. Le scuse che adduce per non uscire con te sono innumerevoli, non c’è che dire, ma quelle che vanno per la maggiore sono: “Devo traslocare tra due ore”, “C’è il funerale di mia nonna”, “Il gatto è attaccato alle flebo”. 

 

Quand’anche tu, impavida come non mai, faccia la prima mossa ed egli accetti il tuo invito, stai pur certa che non lo vedrai. Perché il sociopatico ha sviluppato un istinto più sottile, che fa sì che avverta prima di Giuliacci l’avvicinarsi minaccioso di un cataclisma e la caduta incombente di un meteorite. E ciò gli impedirà di uscire, ça va sans dire. Ora, uomini torinesi, azzardo l’ipotesi secondo la quale probabilmente le ragioni che ancoravi valgono l’appellativo di bugianen non sarebbero poi più tanto legate alla storica battaglia contro i Francesi. Perché se all’epoca la strategia si rivelò vincente, oggigiorno è davvero patetica. E per quanto mi riguarda, ho già preparato un annuncio: “Cercasi vero uomo che mi faccia passare l’ossessione per i sociopatici. Astenersi intimoriti dal confronto nella vita reale.”