Home » POLITICA » Politica, tornano le identità
Sono stati sempre i cattolici democratici e popolari a svolgere un ruolo essenziale per la promozione e la salvaguardia delle nostre istituzioni democratiche e statuali

Politica, tornano le identità

di ilTorinese pubblicato mercoledì 20 giugno 2018

di Giorgio Merlo

È sempre più evidente dopo i primi passi del nuovo Governo e soprattutto dopo l’esito del voto del 4 marzo, che la geografia politica italiana e’ cambiata profondamente. E, con altrettanta probabilità, questo cambiamento rischia di durare per alcuni anni. Innanzitutto il tradizionale bipolarismo pare definitivamente superato. Il vecchio centro destra a trazione berlusconiana – seppur un centro destra alquanto anomalo e singolare rispetto agli altri paesi europei – semplicemente non esiste più. Esiste una destra politica molto più chiara e molto più netta rispetto a quello che è capitato dopo la fine della “prima repubblica” nel nostro paese. Specularmente non esiste più quel centro sinistra ulivista che ha caratterizzato la cosiddetta seconda repubblica. Cioè una coalizione guidata da un leader moderato o progressista e con una profonda cultura di governo che rappresentava, comunque sia, una alleanza plurale e variegata. Che cambiava a seconda delle situazione ma che, alla fine, ricalcava sempre una costante dalla storia politica italiana, cioè una e propria politica delle alleanze. Anche questa esperienza, semplicemente non esiste più. La trasformazione del Partito democratico da “partito plurale” a “partito personale” con la lunga gestione renziana e, dopo la storica sconfitta elettorale, in un partito che avrà come ragione sociale esclusivamente la ricostruzione della sinistra, cambia radicalmente la “mission” politica originaria di quel partito. Una situazione, quella del Pd, che si muove comunque ancora all’interno di una ambiguità ed indeterminatezza di fondo, legata alla possibilità di una scissione annunciata sui giornali ma, almeno per il momento, smentita dall’ex segretario nazionale Renzi. Ora, al di là della contingenza, e’ indubbio che il cambiamento politico innescato dal voto del 4 marzo semplifica le cose e, al tempo stesso, le chiarisce. A prescindere dal gradimento o meno. In sintesi, e’ nato un nuovo bipolarismo. È decollata la destra al posto del centro destra. La sinistra, almeno questa è l’Intenzione dei promotori, dovrà essere ricostruita dalle fondamenta. La sinistra, però, e non il tradizionale centro sinistra. Il fronte populista dei 5 stelle prosegue sulla sua strada. Ed è proprio alla luce di questo nuovo contesto politico che si pone il problema, e anche l’opportunità, per dar vita ad una esperienza che sappia recuperare la tradizione, la storia e il filone ideale e politico del cattolicesimo politico, sociale e democratico. E questo non solo perché sono scomparsi, almeno per il momento, i cosiddetti partiti plurali a vantaggio dei partiti identitari. Ma anche e soprattutto perché forse è arrivato il momento per riscoprire il ruolo, la ricchezza, il talento e la valenza di quelle culture politiche costituzionali che sono state storicamente decisive nella storia politica e democratica del nostro paese. In tutti i tornanti decisivi della nostra democrazia, seppur sempre fragile, sono stati proprio i cattolici democratici e popolari a svolgere un ruolo essenziale per la promozione e la salvaguardia delle nostre istituzioni democratiche e statuali, nonché per il nostro assetto economico e sociale. Va raccolto sino in fondo l’invito del cardinal Gualtiero Bassetti, e non solo, per un rinnovato protagonismo politico dei cattolici italiani. Senza ulteriori timidezze e senza ingiustificabile rassegnazione. Non una presenza clericale o confessionale, come ovvio. Ma una presenza politica e culturale laica che sappia contribuire a ridare qualità alla democrazia e autorevolezza allo stesso confronto politico. È cambiato il panorama politico nazionale, appunto. Pensare che il futuro sia una semplice ripetizione del passato equivale a condannarsi a giocare un ruolo del tutto marginale e periferico nelle nuove dinamiche della politica italiana. Occorre prenderne definitivamente atto prima che sia troppo tardi.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE