Home » Sport » POLI: “SQUADRA CORSE” SUL PODIO
TERZO POSTO CON LA SC18 INTEGRALE

POLI: “SQUADRA CORSE” SUL PODIO

di ilTorinese pubblicato sabato 21 luglio 2018

Il team studentesco del Politecnico di Torino si è classificato terzo nella gara italiana del campionato Formula Student – Formula SAE Italy che si è tenuta a Varano dé Melegari

 

 

Terzo gradino del podio per la Squadra Corse del Politecnico di Torino: la medaglia di bronzo è stata conquistata a Varano dé Melegari nella gara italiana del campionato Formula Student – Formula SAE Italy. Nella categoria “elettriche” il Team studentesco si è confrontato con avversari di spicco provenienti da diverse Università: Global Formula Racing e.V della DHBW Ravensburg, DHBW Stuttgart della DHBW Engineering Stuttgart, Strohm und Söhne TH della Nünberg Georg Simon Ohm, Blue Flash Mobility Concepts della HAWK Göttingen, TU Graz Racing Team Technical dell’University of Graz,Joanneum Racing Graz dell’AS Joanneum Graz, Dynamis PRC del Politecnico di Milano. A competere sulla pista la nuova vettura SC18 integrale, progettata da 23 studenti: si tratta di una monoposto da competizione, con una monoscocca in fibra di carbonio, trazione integrale realizzata con motori elettrici integrati nelle ruote, potenza di picco di 80 kW, trasmissioni epicicloidali, sistema di controllo della trazione e telemetria, aerodinamica con profili per elevata deportanza. Diversi gli sponsor che hanno contribuito alla realizzazione della vettura: FCA, Podium Advanced Technologies, Brembo, Pirelli, SKF, CarbonTeam, Officina Massola, dSpace, Altair, VI-Grade, Blutec.

 

Da alcuni anni il Team si confronta con la trazione elettrica integrale, nuova frontiera che coniuga alte prestazioni con il basso consumo e gli ultimi risultati sono molto incoraggianti: il prototipo SC18 Integrale è totalmente elettrico con un pacco batterie da 600 V, può raggiungere 130 Km/h, pesa 199 kg e impiega 2,9 secondi nel passare da 0 km/h a 100 km/h. Particolarmente interessante l’efficiency, uno dei parametri che viene misurato durante l’endurance – la prova finale –  il criterio mostra infatti come il Team sia stato non solo in grado di terminare la prova, ma anche di consumare poca energia, ciò è stato possibile anche grazie al Energy Recovery System, che recupera l’energia di frenatura.Un risultato positivo che proietta il Team alla prossima competizione: la Formula Student Spain a fine agosto.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE