Home » POLITICA » Piemonte autonomo, arriva MPP
Il movimento politico nato nel 2009

Piemonte autonomo, arriva MPP

di ilTorinese pubblicato sabato 6 gennaio 2018

A fare da battistrada sono i piccoli ed i piccolissimi comuni. Le prime adesioni di enti locali al Comitato Piemonte Autonomo, ovvero al Comitato promotore per il referendum dell’autonomia del Piemonte arrivano dalle entità di minori dimensioni, anche se le presentazioni del Comitato sono avvenute nei centri maggiori, come Novara, Chivasso o Alessandria. Così se nella Città Metropolitana di Torino i primi comuni a muoversi sono stati Virle e Ingria, si registra la presa di posizione di Caresana a Vercelli, della città di Arona in Provincia di Novara, negli ultimissimi giorni del 2017. In Provincia di Alessandria, a Valenza, il gruppo consigliare della Lega Nord, Maurizio Oddone, annuncia il deposito di una mozione in questo senso nei prossimi giorni, mentre nel Comune di Villamiroglio e nell’Unione dei Comuni della Valcerrina, il primo giorno dell’anno è stata inviata la stessa mozione da parte di Massimo Iaretti (nella foto) , capogruppo a Villamiroglio, consigliere dell’Unione e presidente del Movimento Progetto Piemonte. “Si tratta di un atto coerente con i principi sui quali si basa l’MPP, movimento politico nato nel 2009, che richiedevano un’azione forte nella direzione dello Statuto Speciale per il Piemonte – dice Iaretti – o, se questa fosse una meta irrealizzabile, di una maggiore autonomia regionale concessa dallo Stato. All’epoca ci fu chi disse che eravamo visionari o anacronisti, adesso registro con piacere che si sta sviluppando un ampio movimenti di pensiero in questa direzione. Certo e questo è un punto irrinunciabile, l’autonomia deve essere delineata nel pieno rispetto, da un lato della volontà popolare, dall’altro delle regole dettate dallo Statuto del Piemonte e dalla Costituzione della Repubblica Italiana”. La mozione depositata a Valenza, nell’Unione dei Comuni della Valcerrina e a Villamiroglio, è un documento articolato con il quale si chiede alle amministrazioni di aderire al Comitato promotore per il referendum dell’autonomia del Piemonte, di domandare alla Regione di regolamentare l’istituto del referendum consultivo, di promuovere ogni tipo di attività legata all’aggregazione ed al confronto con i cittadini sulle questioni legate all’autonomia del Piemonte e, una volta approvata, a trasmetterla al presidente della giunta reginale ed al presidente del Consiglio regionale. “Come è stata dimostrato in altre Regioni, il problema dell’autonomia non è né di destra, né di sinistra, è un sacrosanto diritto dei cittadini di qualunque tendenza politica siano”, conclude Iaretti.