Home » prima pagina » Petardi, botti e fuochi in tutta la città: che fine ha fatto il divieto?
INTERROGAZIONE DEI FRATELLI D'ITALIA IN COMUNE: "TORINO MAGLIA NERA DI ILLEGALITA’ E DEGRADO"

Petardi, botti e fuochi in tutta la città: che fine ha fatto il divieto?

di ilTorinese pubblicato giovedì 1 gennaio 2015

botti3

botti4botti1botti5Alessi e Marrone: “In  Piazza Castello , in via Roma, Piazza San Carlo, e in altre vie nella notte di Capodanno c’era una distesa di rimasugli di petardi, anche a poche decine di metri dal palco di Piazza San Carlo, oltre che un quantitativo enorme di bottiglie tra cui tante rotte e quindi pericolose”

 

Come ha scritto in diversi articoli il Torinese, anche quest’anno era in vigore il divieto di esplodere petardi e botti come cita il  Regolamento per la tutela ed il benessere degli animali in città. Articolo 9 comma 23: “E’ vietato su tutto il territorio del Comune di Torino, fare esplodere petardi, botti, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici in genere. L’attivazione di petardi, botti, fuochi d’artificio e simili può configurarsi come maltrattamento e comportamento lesivo nei confronti degli animali come previsto dallo stesso articolo 9 comma 1, e comporta quindi responsabilità dei trasgressori. Eventuali autorizzazioni in deroga saranno valutate dalla Città. Le sanzioni prevedono multe da 25 a 500 euro e il rischio di una denuncia penale per il reato di maltrattamenti agli animali”.

 

 Il Regolamento di Polizia Municipale all’art.48 ter “Utilizzo e vendita di prodotti pirotecnici”  cita:

 

 1. E’ tassativamente vietato far esplodere botti o petardi di qualsiasi tipo:

a)      in tutti i luoghi, coperti o scoperti, pubblici o privati, in cui si svolgono manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico, di qualsiasi tipo; gli organizzatori responsabili delle iniziative dovranno affiggere appositi cartelli pubblicizzanti il divieto ed assicurare, con proprio personale, un’assidua sorveglianza, per il rispetto di quanto sopra, avvertendo tempestivamente, se del caso, le forze dell’ordine;

c)       in tutte le vie, piazze ed aree pubbliche, ove transitano o siano presenti delle persone.

2.       La vendita negli esercizi commerciali abilitati è consentita esclusivamente nel rigoroso rispetto dei limiti e delle modalità stabilite dalla legge, con particolare riguardo al quantitativo massimo che può essere detenuto presso ciascun punto vendita, all’etichettatura e alle norme poste a tutela dei minori; in caso di accertata inosservanza, il Comune, valutata la gravità dell’infrazione, potrà disporre, in aggiunta alle altre sanzioni e all’eventuale sequestro della merce irregolarmente venduta, il divieto di prosecuzione della vendita.

3.         In considerazione del particolare rischio che si potrebbe configurare è tassativamente vietato il commercio in forma itinerante di artifici pirotecnici.


“Ma nonostante il divieto i botti si sono visti e sentiti in tutta Torino, oltre che essere venduti in banchetti posti ad esempio  in Via Roma” spiega Patrizia Alessi, Capogruppo di Fratelli d’Italia  in Circoscrizione 7, che denuncia:  “In  Piazza Castello , in via Roma, Piazza San Carlo, e in altre vie nella notte di Capodanno c’era una distesa di rimasugli di petardi, anche a poche decine di metri dal palco di Piazza San Carlo, oltre che un quantitativo enorme di bottiglie tra cui tante rotte e quindi pericolose, bottiglie anche vendute da abusivi che indisturbati vendevano in mezzo alla gente, fuochi d’artificio…”


Anche in  Borgata Aurora (compresi i Giardini Alimonda e ex GFT), Borgo Dora e Porta Palazzo  non è andata meglio per diverse ore i botti sono stati forti e continuativi. “I cittadini incontrati stamane per le vie limitrofe a corso Giulio Cesare erano indignati dalla situazione”, aggiunge Alessi che annuncia un’interrogazione. “L’anno scorso nel territorio della Circoscrizione 7 e in tutta la Città non ci sono state multe nonostante gli innumerevoli botti esplosi, chiederò anche quest’anno con un’Interrogazione nel Consiglio della 7 se vi sono state delle sanzioni…..ma da quello che si vede stamane sembra che il territorio sia stato abbandonato. A cosa serve scrivere Regolamenti se poi non si attuano?”


Interpellanze in Comune sullo stesso tema saranno presentate anche dal Capogruppo FDI  in Sala Rossa Maurizio Marrone: “Sono oramai anni che il Comune perde il controllo del proprio territorio a Capodanno: un fenomeno quello dei fuochi artificiali dei privati cittadini che cresce di pari passo con il disimpegno dell’Amministrazione Comunale verso i festeggiamenti natalizi organizzati. Di questo passo Torino gareggerà con Napoli nel triste primato dei botti abusivi e pericolosi”.