Home » CULTURA E SPETTACOLI » Pesca e fango
Ulisse si salvò chiamandosi Nessuno

Pesca e fango

di ilTorinese pubblicato giovedì 15 giugno 2017
Le poesie di Alessia Savoini
.
Mio nonno aveva le mani che profumavano di frutta e di terra.
Un po’ come quando da piccola i pomeriggi odoravano di erba tagliata
E i problemi si risolvevano su una pagina di quaderno
Dove sommare era più semplice che dividere.
L’altalena era il mezzo di trasporto più efficace per andare lontano
E con il cuore rimanere.