Home » CULTURA E SPETTACOLI » Performing arts
Anche il Ministro al Teatro Maggiore

Performing arts

di ilTorinese pubblicato martedì 3 luglio 2018

Cross Festival 2018 a Verbania. Prima del gran finale, domenica sera 1° luglio, presentazione da parte delle autorità, al Teatro Maggiore, con la presenza del neo Ministro alla Cultura Alberto Bonisoli


Un evento internazionale, dedicato alle arti figurative, organizzato LIS LAB Performing Arts e diretto da Antonella Cirigliano: da giovedì 28 fino a Domenica 1° luglio, con la chiusura – performance della compagnia sud coreana Art Project BORA.”Se introduciamo una venatura culturale nel nostro sistema paesaggistico” ha detto tra l’altro il Ministro “possiamo percorrere e ben completare un cammino già tracciato con le vostre attività turistiche”; il tipo di festival, Cross ossia contaminazione, è un modo di operare che ci piace molto.””Sono un grillino” ha detto poi scherzosamente Bonisoli, seduto tra la Sindaca Silvia Marchionini e il vice presidente della Regione Piemonte Aldo Reschigna (entrambi del PD) ” ma sono ben contento di operare e collaborare con le amministrazioni locali, che pure non sono del mio partito”.”La collaborazione tra Ministero e Regione, è un segno di forte attenzione al tema dei beni culturali “ha confermato Reschigna “si chiude un festival, ma si aprono altri progetti. Le risorse messe a disposizione per questi interventi culturali innovativi, per il 2018, ammontano a 450.000 euro: il ruolo della cultura è fondamentale.” Anche Massimo Terzi, presidente del Museo del paesaggio di Verbania, è in sintonia con gli altri: “Abbiamo già collaborato con CROSS in precedenti eventi e siamo ben felici di continuare: uno dei compiti del governo è di dare garanzie di programmazione agli enti preposti al Turismo e alla Cultura”. Tornando allo spettacolo del balletto, in Tail Language i protagonisti sono cinque personaggi delle favole orientali con i quali si vuole raccontare il lato comico dell’essere umano. Questo lavoro rivela quanto il linguaggio del corpo risulti essere più primitivo e lucido rispetto al testo e alle parole, e lo fa attraverso un processo di smantellamento e ricombinazione di movimenti strutturali come l’intersezione di linee e forme. I gatti (per esempio) usano infatti il Tail Laguage (linguaggio della coda) per esprimere le loro emozioni: proprio da qui parte la ricerca artistica di Art Project BORA.

Elio Motella