Home » prima pagina » Processo Eternit: “Suicida subordinare la legislazione nazionale a quella sovranazionale”
IL TRIBUNALE DI TORINO HA DECISO DI TRASMETTERE GLI ATTI ALL'ALTA CORTE PER AVERE UN'INTERPRETAZIONE SUL "NE BIS IN IDEM"

Processo Eternit: “Suicida subordinare la legislazione nazionale a quella sovranazionale”

di ilTorinese pubblicato venerdì 24 luglio 2015

costanzo avvAlberto Costanzo, patrocinatore di parte civile per l’Ona –  Osservatorio nazionale amianto così commenta a caldo la decisione del giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Torino che ha stabilito, con propria ordinanza, di trasmettere gli atti alla Corte Costituzionale

 

“L’epilogo di questo procedimento dimostra quanto sia stato folle, quanto sia stato suicida il subordinare ad una legislazione sovranazionale quella nazionale”. Alberto Costanzo (nella foto), patrocinatore di parte civile per l’Ona –  Osservatorio nazionale amianto così commenta a caldo la decisione del giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Torino che ha stabilito, con propria ordinanza, di trasmettere gli atti alla Corte Costituzionale per avere una interpretazione sull’eccezione del ne bis in idem, sollevata dagli avvocati Alleva e Di Amato, difensori di Stephan Schmidheiny. Costanzo, però, precisa di non parlare come legale di Ona, né tantomeno a suo nome, quanto esprime una presa di posizione personale, coerente con le sue precedenti posizioni. Negli anni passati, infatti, l’avvocato di Casale Monferrato, pubblicò un libro, per i tipi di Solfanelli editore,  sul Mandato d’arresto europeo, anch’esso critico sull’arretramento  della sovranità  della legislazione nazionale. Nell’aula del gup di Torino, in sostanza, dopo un breve intervento della difesa il magistrato, Federica Bompieri ha, in sostanza deciso di non decidere e davanti alla scelta se rinviare a giudizio o archiviare ha, più che legittimamente, chiesto alla Corte Costituzionale di dire se l’articolo 649, che stabilisce che una persona non possa essere giudicata due volte per lo stesso fatto, si riferisca al fatto giuridico, come è previsto dalla normativa nazionale, oppure se sia il fatto storico, come è indicato nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Se la strada da seguire fosse la prima in effetti nel primo processo il multimilionario svizzero era stato inquisito per disastro doloso, in questo procedimento il capo d’accusa formulato dalla procura di Torino è quello dell’omicidio volontario, sostenuto dai pubblici ministeri Raffaele Guariniello e Gianfraco Colace. Nel secondo caso, invece, il legame storico delle morti da amianto sarebbe lo stesso. Si tratta di un’interpretazione chiave che, una volta arrivata, andrebbe anche ad inficiare, se fosse nella seconda accezione, ogni eventuale, futura, azione contro l’ex titolare dell’Eternit. E i tempi non saranno brevi perché la decisione della magistratura costituzionale, con i tempi ordinari ed il carico di lavoro che ha, potrebbe arrivare non prima di un anno. Intanto la procura di Torino, come anticipa Afeva – Associazione familiari vittime amianto, in  un documento siglato dal presidente Romana Blasotti Pavesi e dal coordinatore vertenza amianto Bruno Pesce, intende richiedere l’acquisizione di altre 94 morti per mal d’amianto. Un dato comunque fa riflettere: il Tribunale di Gorizia ha inflitto dure condanne per le morti d’amianto all’Italcantieri di Moncalfone. Qui il reato era di omicidio colposo ? E se si fosse proceduto sin dall’inizio in questa direzione ?

Massimo Iaretti