Home » Dall Italia e dal Mondo » Orange-County. Paradiso di surfisti e skater
Chilometri e chilometri di sabbia frustati dalle onde dell’oceano Pacifico

Orange-County. Paradiso di surfisti e skater

di ilTorinese pubblicato domenica 30 settembre 2018

California dreaming… se sognate uno spicchio di paradiso soleggiato tutto l’anno, in cui sfidare le onde, skateare ed attivare la modalità divertimento assicurato, la meta è l’Orange County, (per popolazione seconda contea Californiana e quinta degli Stati Uniti d’America)

E’ al centro della Tech Coast, tra Los Angeles e San Diego (il confine col Messico è palpabile) e vanta alcune delle spiagge più cool d’America.

Chilometri e chilometri di sabbia frustati dalle onde dell’oceano Pacifico. Magari non c’è la famosa onda Hawayana Pipeline, ma anche qui i surfisti arrivano a frotte, si salutano col classico “Haloa” e poi via alla maniera di “Point Break” (film cult degli anni 90), cercando il punto di takeoff (l’attimo giusto in cui prendere il cavallone). Le spiagge dell’Orange County, oltre ad essere mete di veri e propri surf trip, di fatto, incarnano uno stile di vita. Il fitness impera: si corre, si cammina, si gioca a beach volley. E volendo più relax, si portano ombrelloni e sdraio da casa (concept agli antipodi di quello dei nostri litorali brulicanti di chioschi, stabilimenti balneari e masse di bagnanti). La scoperta delle spiagge più belle e gettonate dell’Orange County può partire dalla confinante Los Angeles che non è solo la mecca del cinema. La scalinata della Hollywood Highschool è infatti lo spot più ambito degli skater e sul suo corrimano hanno compiuto prodezze tutti i campioni della disciplina. Uno sport che in California sta appassionando anche le ragazzine, sempre più numerose nei contest, con spericolati trick (manovre). La spiaggia per eccellenza è quella di Santa Monica. Lunga circa 3miglia e mezzo, non ha bisogno di presentazione perché è l’esempio icona dei lidi californiani. Punto di riferimento il suo molo, animato da negozi, parco divertimenti e ristoranti. Al Pier, costruito nel 1909, si accede grazie ad una serie di ponti, passerelle e scale che lo collegano alla città; e dietro al molo c’è un’altra rampa di scale leggendaria per gli skater, il Santa Monica Triple Set. Invece, per mangiare tra mito cinematografico e american life style, la meta è il Bubba Gump Shrimps Co. (fa parte di una catena di ristoranti sparsi in più città USA). Qui tutto parla di Forrest Gump, con tantissimi cimeli del film ed ottimi gamberi declinati in tutte le portate possibili.

 

Huntintong Beach: soprannominata “Surf City” perché nei 14 chilometri della sua spiaggia si vola sulle onde con kite surf e surf, di cui ogni anno qui si disputa il campionato mondiale. Il petrolio racchiuso nelle falde marine è la principale risorsa, ma subito dopo nel bilancio c’è la voce turismo legato a questo sport. E intorno a tanta passione, shopping di alto livello, Resort di lusso, l’International Surfing Museum e il porto, con all’ancora parte della Flotta Militare Statunitense. Anche qui c’è un importante skatepark, punto di ritrovo per gli skater di tutto il mondo.

 

Laguna Beach: è stata il set della serie tv “O.C.” (The Real Orange County) un mix tra reality show e fiction che documentava la vita dei teenager del luogo (trasmessa da Mtv Italia dal 2004 al 2008). E’ soprattutto un centro ad alto tasso di creatività, con numerose gallerie ed il Festival of Art che ogni anno richiama il meglio di artisti e collezionisti. I residenti di Laguna Beach sono tra i più ricchi d’America e, tra i tanti Paperoni, qui ha casa anche la mamma di Leonardo di Caprio. Le ville sul mare -prezzo di partenza intorno ai 10 milioni di dollari- si sprecano, per lo più protette in comprensori con tanto di spiaggia privata.

Dana Point: è una delle 34 cittadine incorporate nella contea di Orange (area scoperta dagli spagnoli che nel 1776 vi eressero il primo insediamento europeo, la Missione di San Juan Capistrano). Ha uno dei pochi porti lungo la costa dell’Orange County, punto di partenza di mini crociere per ammirare balene e delfini. E’ un porto turistico, con negozi e ristoranti: consigliato l’ottimo menù a base di pesce dell’Harbour Grill Restaurant.Tra le sue spiagge la più bella è Strands Beach, una lunga lingua di sabbia sulla quale si affacciano ville miliardarie con piscine a sfioro… e costante sorveglianza di lifeguard.

E se surfisti e skater si infortunano?…Ecco dove sanare le ferite. Al South Coast Spine Center del Dr. David Sales, a Capistrano Beach. Clinica di eccellenza, prima al mondo specializzata in riabilitazione avanzata per surfisti, skater e snowbordisti che, tra una prodezza e l’altra, impattano con acqua, terra o neve. Tra chiropratica e biofisica, tecnologia e strumentazione all’avanguardia, integrazione con la pratica clinica e trattamenti estremamente specialistici, è qui che i campioni mondiali di questi sport estremi vengono rimessi in piedi e ricatapultati nell’agone sportivo. Ed imparano non solo a prevenire infortuni, ma anche a fare la giusta manutenzione del loro corpo sottoposto a stress decisamente fuori dal comune. Se poi volete immergervi ad oltranza nello spirito più profondo del surf …il libro da leggere è: William Finnegan “Giorni selvaggi: una vita sulle onde” (66Thand2Nd.) 25,00 Euro. L’autore -giornalista, scrittore e soprattutto appassionato di surf- con questo “memoir” ha vinto il Premio Pulitzer 2016. E nel libro c’è tutta la sua vita alla ricerca degli spot più famosi del mondo, spiagge dell’Orange County incluse.

 

Laura Goria

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE