Home » prima pagina » Operazione “Mano invisibile”, in sei mesi i borseggi sui mezzi pubblici calano del 51%
Nella seconda fase gli agenti del Nucleo Progetti e Servizi Mirati dei Civich hanno effettuato arresti in flagranza

Operazione “Mano invisibile”, in sei mesi i borseggi sui mezzi pubblici calano del 51%

di ilTorinese pubblicato giovedì 19 gennaio 2017

tram coloriPiù controlli, meno ladri. In sei mesi sono calate del 54% le segnalazioni di borseggi sui mezzi pubblici, a Torino, grazie all’indagine ‘Mano invisibile bis’ della polizia municipale, coordinata dal Pm Andrea Padalino. Infatti, da giugno a oggi, ha prodotto  11 arresti, 23 denunce e un fermo di polizia giudiziaria, un vero deterrente ai ladruncoli da tram. E’ la continuazione di una prima operazione condotta a giugno e che si era conclusa con l’emissione di incarcerazioni nei polizia civich2confronti di 21 persone. Nella seconda fase gli agenti del Nucleo Progetti e Servizi Mirati dei Civich hanno effettuato arresti in flagranza e sono stati impegnati nella raccolta di precedenti, denunce e in indagini attraverso banche dati e immagini della videosorveglianza sui mezzi pubblici. Il tutto  in collaborazione con Gtt. Le indagini  hanno consentito la richiesta di emissione, da parte del Gip Cristiano Trevisan, di altre 5 misure cautelari in carcere che sono state effettuate nelle ultime 48 ore.

 

(foto: il Torinese)