Home » Dall Italia e dal Mondo » “Ogni luogo è Taksim”
L'autore si trova in galera dal 14 febbraio 2017 accusato di propaganda anti-Erdogan

“Ogni luogo è Taksim”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 14 febbraio 2018

Il libro è sul tavolo dei relatori ma l’autore non c’è. È dietro le sbarre di una buia prigione turca a Silivri, sul mar di Marmara, nel comune di Istanbul dove dieci anni fa venne costruito il più grande carcere della Turchia e forse d’Europa. Viene utilizzato per ospitare soprattutto i giornalisti turchi che, al minimo accenno di critica nei confronti del capo di Stato, vengono arrestati. Se sono fortunati riescono a fuggire, come hanno fatto molti reporter turchi che oggi dall’estero scrivono e parlano liberamente del loro Paese. Come fa tutti i giorni Deniz Yucel, il giornalista turco-tedesco il cui libro “Ogni luogo è Taksim” (Rosenberg & Sellier, 2018) è stato presentato martedì 13 febbraio al Circolo della Stampa di Torino (ore 18.00) insieme a un dibattito sul tema: “La Turchia di oggi, a cinque anni dalla rivolta di Gezi Park”. Deniz Yucel, corrispondente dalla Turchia per “Die Welt”, si trova in galera dal 14 febbraio 2017 accusato di propaganda anti-Erdogan e di spionaggio per i servizi segreti tedeschi. In quella famigerata prigione gli fanno compagnia 170 giornalisti mentre tanti altri sono liberi ma sono in attesa di sentenza e pertanto rischiano di raggiungere Yucel e i suoi colleghi a Silivri. Nel volume dello scrittore si analizza la figura del nuovo sultano della Mezzaluna e la situazione in Medio Oriente per esaminare poi le varie anime del movimento Gezi e le storie delle persone che hanno partecipato alla rivolta del maggio 2013 nel piccolo parco di piazza Taksim e che ora assistono impotenti all’involuzione autoritaria della Turchia del presidente-padrone Erdogan, diventato ormai il capo di un regime sempre più repressivo. Negli ultimi anni e, in particolare dopo il golpe fallito del 15 luglio 2016, la Turchia è diventata la più grande prigione del mondo per giornalisti. Se 170 reporter sono in carcere, altre centinaia sono stati licenziati senza motivo, per cui è sufficiente un tweet contro il governo per finire in galera per mesi o restare senza lavoro. La situazione è destinata a peggiorare e già oggi i media sono ridotti al silenzio come anche le università e i circoli culturali.

Filippo Re

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE