Home » CULTURA E SPETTACOLI » Oggi al cinema
SUL GRANDE SCHERMO

Oggi al cinema

di ilTorinese pubblicato giovedì 14 giugno 2018

LE TRAME DEI FILM NELLE SALE DI TORINO

A cura di Elio Rabbione

 

211 – Rapina in corso – Azione. Regia di York Alec Shackleton. Kenny sta girando un video con il suo cellulare nei bagni della scuola quando viene aggredito da un gruppo di bulli che continuano ad aggredirlo: si difende e ne colpisce uno, il cellulare riprende ogni cosa, il punito è lui. Viene spedito in una stazione di polizia, passerà una giornata in quel mondo che non conosce affatto. Ma c’è l’avviso di una rapina ad una banca, il poliziotto Cage entra in azione e il ragazzino avrà l’occasione per riprendere ancora una volta quel che gli succede intorno. Durata 86 minuti. (Massaua, Ideal, Lux sala 1, The Space, Uci)

 

A beautiful day – Drammatico. Regia di Lynne Ramsay, con Joaquin Phoenix e Judith Roberts. Un uomo nella cui mente trovano posto ricordi dolorosi, un passato di guerra, una infanzia di abusi, un figlio che si prende cura della madre anziana. Anche un sicario che entra nella vicenda sporca e infelice della figlioletta di un senatore, portata via per essere fatta sprofondare nel buio della prostituzione minorile. Con il viso dolente e con la robusta interpretazione di Phoenix premiato a Cannes quale migliore attore. Il film s’è anche aggiudicato il Palmarès per la migliore sceneggiatura. Durata 95 minuti. (Massimo sala 3 V.O.)

 

Al massimo ribasso – Drammatico. Regia di Riccardo Iacopino con Viola Santoretto, Matteo Carlomagno e Alberto Barbi. Diego vive tra i segreti industriali grazie ai quali aziende mafiose vincono gli appalti, tra corruzione e malavita e colletti inamidati, una giovane infermiera, Anita, cerca di rifarsi una vita. Un giorno le loro vite si incrociano. Girato a Torino. Durata 100 minuti. (F.lli Marx sala Groucho)

 

A quiet passion – Drammatico. Regia di Terence Davies, con Cynthia Nixon e Keith Carradine. La storia della poetessa statunitense Emily Dickinson dagli anni della trasgressiva giovinezza alla vita adulta di auto reclusione, la tradizione puritana della famiglia, la sua storia d’amore platonica con un pastore protestante. La poetica silenziosamente ribelle di Davies (autore di Voci distanti, sempre presenti) trova, in questo poliedrico e controverso personaggio, un ottimo spunto per mettere a frutto il suo passato di fine conoscitore dell’animo femminile, dando vita ad alcune sequenze che rasentano il sublime. Il risultato è un preciso ritratto dell’artista americana, privata del mito e definita unicamente come essere umano. Durata 126 minuti. (Nazionale sala 1)

 

L’atelier – Drammatico. Regia di Laurent Cantet, con Marina Foïs e Matthieu Lucci. Sotto il sole estivo della Francia del sud, a La Ciotat, celebre un tempo per i suoi cantieri navali, un’affermata scrittrice di gialli, Olivia Dejazet, tiene un workshop per un gruppo di ragazzi, come si compone una storia, se debba prevalere la realtà o l’invenzione, se vi debbano entrare gli aspetti politici, se gli elementi autobiografici siano necessari oppure no. Il gruppo multietnico alimenta i fatti e i misfatti della storia recente, il ricordo del Bataclan e del lungomare di Nizza infuocano gli animi. Spicca tra tutti Antoine, talentuoso e introverso, inquieto e battagliero, spesso in rotta con gli altri sulle questioni politiche per le sue posizioni razziste e aggressive. L’atteggiamento del ragazzo si fa sempre più violento con il passare dei giorni e Olivia sembra essere spaventata e attratta al tempo stesso, finché la situazione sfugge drammaticamente di mano a entrambi. L’autore della Classe ci rende un film teso, chiuso in se stesso, con una profonda analisi dei personaggi principali, dove tutto è alla ricerca di un dialogo che, nonostante un finale all’insegna dell’ottimismo, tarda a concretizzarsi, dove tutto è a significare la debolezza e la mancanza o la confusione di ideali di una generazione che è ogni giorno in cerca di una direzione. Durata 114 minuti. (Romano sala 1)

 

Benvenuto in Germania – Commedia. Regia di Simon Verhoeven, con Senta Berger, Heiner Lauterbach e Florian David Fitz. Un’insegnante di tedesco da poco andata in pensione, due figli ormai adulti, un marito chirurgo ortopedico, un gatto. Un giorno decide di ospitare un rifugiato in cerca di una nuova patria e di un po’ di fortuna: nemmeno a dirlo, il nuovo arrivo metterà a dura prova la vita all’interno della casa, la coabitazione, le giornate, il matrimonio dei due padroni di casa. Durata 116 minuti. (F.lli Marx sala Harpo)

 

Deadpool 2 – Fantasy. Regia di David Leitch, con Ryan Reynolds e Josh Brolin. Ancora i campioni della Marvel, eroismi divertimento e ritmo arrivati al secondo capitolo e successo assicurato. L’ex mercenario Wade si batte contro il cattivo che ha il viso di Brolin, prendendo le difese di Russell, giovane mutante, ribelle alle autorità. Lotte, cattura, prigionia e nuova libertà in un percorso obbligato che dà il via ad un finale da fuochi d’artificio e con una nuova storia già in preparazione. Durata 111 minuti. (Ideal, Reposi, The Space, Uci)

 

Dogman – Drammatico. Regia di Matteo Garrone, con Marcello Fonte e Edoardo Pesce. Il regista dell”Imbalsamatore” riscrive a modo suo la vicenda del “canaro”, fatto e fattaccio di cronaca nella Roma degli anni Ottanta, reinventando la figura di Marcello, separato dalla moglie, con una bambina, che vive le sue giornate con il suo mestiere di toelettatore di cani e le angherie del bullo del quartiere. Nell’immagine plumbea della periferia romana, tra case fatiscenti, pozzanghere d’acqua che sembrano invadere perennemente i prati e quelle che qualcuno chiama strade, i soliti incontri all’unico bar, vite all’insegna dell’arte d’arrangiarsi, Marcello è l’uomo mite, insignificante e amico di tutti, tuttavia ricacciato allorché nonostante l’anno di carcere continua a tacere sull’ultima “impresa” del violento Simone. Ma la mitezza nasconde la rivincita, la necessità di dire basta, la ferocia. In questo mondo pasoliniano, dove rispunta un neorealismo caro a De Sica, con i vinti in cerca di riscatto, tutto rimane sospeso, nella stessa solitudine. Una storia che Garrone racconta con precise cadenze, con un ritmo doloroso di inevitabile caduta agli inferi, dove gli unici sprazzi di luce sono gli incontri tra Marcello e la figlia, le loro gite al mare, le immersioni nel blu profondo. In concorso al festival di Cannes, applauditissimo, ha consegnato al protagonista Marcello Fonte il Palmarès per la migliore interpretazione maschile. Durata 102 minuti. (Lux sala 3, Romano sala 3, Uci)

 

End of Justice: Nessuno è innocente – Drammatico. Regia di Dan Gilroy, con Denzel Washington e Colin Farrell. Roman Israel, scontroso afroamericano, è un avvocato presso uno studio di Los Angeles, pieno di buoni propositi e di ideali sociali, sempre rivolto a difendere le magagne dei meno abbienti. George Pierce è un arrivista instancabile, senza scrupoli, unico progetto la carriera. Pronto a chiamare Roman a collaborare con lui quando lo studio di lui chiude. Ma le estreme divergenze rimangono. E al di là dei duetti estremamente convincenti tra i due interpreti, la storia si mette a percorrere una strada inaspettata, dal momento che il suo bel momento di cedimento anche Roman lo coltiva. Con esiti, se non inattesi, ben raccontati. Durata 122 minuti. (Ambrosio sala 2, F.lli Marx sala Groucho, Uci)

 

Hotel Gagarin – Commedia. Regia di Simone Spada, con Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Claudio Amendola e Luca Argentero. Per accaparrarsi i fondi europei, un piccolo produttore s’inventa un film che non si girerà mai. E fugge, dopo aver lasciato la sua troupe, un variopinto gruppo di persone traballante e piene di speranza, a bocca asciutta. Si ritrovano tutti quanti in Armenia, in un’atmosfera non del tutto tranquilla, chiusi nell’hotel che dà il titolo al film. Da leggersi forse come il ritratto forse troppe volte frequentato del cinema italiano, avventuroso e pressapochista: ma sempiterno. Durata 93 minuti. (Due Giardini sala Ombrerosse, F.lli Marx sala Chico)

 

Ippocrate – Drammatico. Regia di Thomas Lilti, con Vincent Lacoste. Benjamin è un giovane medico ambizioso, che inizia il tirocinio nel reparto diretto dal padre. Qui stringe amicizia con Abdel, un medico di origine algerina. Nonostante l’entusiasmo iniziale, la pratica risulta per i due ben più difficile della teoria e i due saranno costretti a fare i conti con la pressione e la dura realtà della professione, trovandosi a combattere con le paure e i propri limiti, le famiglie, i colleghi, il personale. Durata 102 minuti. (Classico anche V.O., Due Giardini sala Nirvana)

 

Jurassic Park: Il regno distrutto – Fantasy. Regia di Juan Antonio Bayona, con Chris Pratt, Bryce Dallas Howard e Jeff Goldblum. La saga infinita continua, felicemente, per la gioia dei bambini non troppo impressionabili dai mostri dentati e scodinzolanti come dagli adulti. Da quando il parco più famoso del mondo è stato distrutto dai dinosauri, gli animali che sono sopravvissuti alla tragedia abitano nella foresta: e se un giorno Claire comunica a Owen che il suo dinosauro femmina, Blue, è ancora viva e si può fare in modo di poterla salvare, il ragazzone non ci pensa su certo due volte. Inizia così un’altra avventura. Durata 128 minuti. (Massaua, Ideal, Lux sala 2, Reposi, The Space anche 3D, Uci anche 3D e V.O.)

 

Lazzaro felice – Drammatico – Regia di Alice Rohnwacher, con Alba Rohnwacher e Adriano Tardioli. Quella di Lazzaro, un contadino che non ha ancora vent’anni ed è talmente buono da sembrare stupido, e Tancredi, giovane come lui, ma viziato dalla sua immaginazione, è la storia di un’amicizia. Un’amicizia che nasce vera, nel bel mezzo di trame segrete e bugie. Un’amicizia che, luminosa e giovane, è la prima, per Lazzaro. E attraverserà intatta il tempo che passa e le conseguenze dirompenti della fine di un Grande Inganno, portando Lazzaro nella città, enorme e vuota, alla ricerca di Tancredi. Durata 130 minuti. (Eliseo Rosso, Massimo sala 1)

 

Loro 2 – Commedia. Regia di Paolo Sorrentino. Il lato umano, a tratti godereccio, a tratti disperato, del ex premier, tutti i riferimenti agli inverni del nostro scontento e alle cronache quotidiane, il matrimonio andato a pezzi, le olgiattine e i festini, le biondine più che appetitose e disponibili, l’entourage in cerchia di soldi e di celebrità, le piscine, la gran folla. E poi l’ambiguità, il potere. Tutto con gli occhi dell’autore della “Grande bellezza”. Con la scusa che la seconda parte del film era in uscita in Italia, niente concorso a Cannes, così decretò Thierry Frémaux: ma visto che l’accoppiata – in numero uno e il numero due – ci guadagnerebbe, e Dio solo sa quanto!, non si sarebbe potuto sfrondare e farlo in qualche modo sulla Croisette? Durata 100 minuti. (Greenwich sala 2)

 

Parigi a piedi nudi – Commedia. Diretto e interpretato da Fiona Gordon e Dominique Abel, con Emmanuelle Riva. Attori e autori pressoché sconosciuti da noi, lei canadese e lui belga, descrivono per lo scherma l’avventura di lei, bibliotecaria in un piccolo e sperduto paesino del suo grande e a tratti “inospitale” paese, “scesa giù” a Parigi alla ricerca della vecchia zia Marta. Che non si trova, è scomparsa!, con tutto quel che ne può derivare ad una sprovvedutissima straniera nella tentacolare ville lumière. Quando non cade nella Senna, incontra Dom, un fior fiore di clochard, gentile e ammodo, che è anche capace di innamorarsi di lei e di inseguirla per i boulevards e per le piccole stradine. Divertimento e gag a volontà. Durata 84 minuti. (Nazionale sala 2)

 

Show Dogs – Avventura. Regia di Raja Gosnell. C’è un umano, Frank, e c’è un rottweiler, Max (cui dà voce Giampaolo Morelli), agenti Fbi, entrambi decisi a far luce sul rapimento di un cucciolo panda. Una squadra di doppiatori all’opera, da Barbara D’Urso a Cristiano MalGioglio, da Lino Guanciale a Nino Frassica, da Marco Bocci a Francesca Neri ad Ale e Franz. Durata 92 minuti. (Massaua, Uci)

 

Solo – A Star Wars Story – Fantascienza. Regia di Ron Howard, con con Alden Ehrenreich, Donald Glover, Paul Bettany e Woody Harrelson. La giovinezza di Han Solo, del personaggio che abbiamo conosciuto con Harrison Ford, dei suoi primi passi attraverso la Galassia, già in compagnia di Chewbecca e con gli insegnamenti, dal furto alla truffa, del criminale di nome Beckett. Con questi Solo dà il via alla propria fortuna, la prima battaglia sarà con il giocatore d’azzardo Calrissian. Durata 135 minuti. (Greenwich sala 3, Massaua, Ideal, Reposi, The Space, Uci)

 

La stanza delle meraviglie – Drammatico. Regia di Todd Haynes, con Julianne Moore, Michelle Williams, Millicent Simmond e Oakes Fegley. Presentato in concorso lo scorso anno a Cannes, dall’autore di Carol e Lontano dal paradiso, sceneggiato da Brian Selznick dal proprio romanzo. Rose e Ben sono due ragazzini che vivono in epoche diverse, lei del New Jersey, lui del Michigan, lei sul finire degli anni Venti, lui oggi. Due vite lontane, ma che viaggiano su binari paralleli. Entrambi sordi (la Simmond lo è realmente nella vita). Entrambi, segretamente, desiderano una vita diversa dalla propria. Sognano. Ben cerca il padre che non ha mai conosciuto, Rose sogna una misteriosa attrice di cui raccoglie foto e notizie nel suo album. Quando Ben scopre in casa un indizio sconcertante e Rose legge un allettante titolo di giornale, i due ragazzi partono alla ricerca di quello che hanno perso, di una verità, di un angolo di mondo che possa essere davvero loro. Durata 117 minuti. (Ambrosio sala 1, Eliseo Grande, Reposi)

 

La terra dell’abbastanza – Drammatico. Regia di Damiano e Fabio D’Innocenzo, con Andrea Carpenzano, Matteo Olivetti e Max Tortora. Due giovani amici che vivono nella periferia romana. Investono un giorno per caso un uomo e decidono di fuggire. L’uomo si rivelerà essere un pentito di un clan criminale e quella scomparsa li fa entrare nel giro del boss della zona, con momentaneo successo. Ma gli sviluppi della situazione non si dimostreranno molto fortunati, facendoli al contrario scendere sempre più nella spirale della violenza. Durata 96 minuti. (Massimo sala 2)

 

La terra di Dio – Drammatico. Regia di Francis Lee, con Josh O’Connor e Alec Secareanu. Negli anni Sessanta, i soliti lavori per Johnny alla fattoria nello Yorkshire, i rapporti tesi con suo padre costretto su una sedia a rotelle, le nebbie, il freddo delle alture, le serate al bar fino a ubriacarsi, le avventure omo senza futuro, la solitudine feroce. Poi un giorno arrivare a dare una mano nella fattoria Gheorghe, immigrato rumeno, e Johnny se ne innamora. Rabbia, violenza intima, sentimenti a lungo non svelati, zuffe, un lieto fine che non intacca affatto la solidità di una storia ottimamente raccontata e la direzione degli attori, alla ricerca di ogni più nascosto dettaglio. Durata 104 minuti. (Ambrosio sala 3)

 

Tito e gli alieni – Commedia drammatica. Regia di Paola Randi, con Valerio Mastandrea, Luca Esposito e Chiara Stella Riccio. Girato nei deserti che fanno da sfondo alla “mitica” Area 51, film solitario nel panorama del cinema italiano, è la storia di un uomo, il Professore, che ha perso la moglie e che attende di captare, nel deserto del Nevada, dallo spazio con un decoder di propria invenzione, un suono dallo spazio. In verità, dovrebbe lavorare ad un progetto segreto per il governo degli Stati Uniti, ma il suo rifugio è il divano di casa. Ma è anche la storia di un uomo che all’improvviso si vede rivestito di autorità paterna, ad accudire i due nipoti, rimasti orfani e arrivati da Napoli in quel luogo dimenticato da tutti. Insieme cercheranno di dare una risposta agli Ufo e di rimettere insieme i cocci rotti della loro famiglia e delle loro esistenze. Durata 92 minuti. (Romano sala 2)

 

La truffa dei Logan – Azione. Regia di Steven Soderbergh, con Channing Tatum, Adam Driver, Hilary Swank e Daniel Craig. Jimmy è un minatore disoccupato, divorziato e senza un quattrino, suo fratello Clyde un veterano della guerra in Iraq con una protesi al braccio: una rapina durante una famosa corsa automobilistica potrebbe raddrizzarne le sorti. Dovranno cercare per il lavoro un esperto in esplosioni, ma prima sarà necessario farlo evadere di prigione: e soprattutto fare i conti con un’agguerrita e tenacissima agente dell’FBI che comincia a sospettare e a indagare su tutti. Durata 119 minuti. (Reposi, The Space, Uci)

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE