Home » Brevi di cronaca » Odiose truffe agli anziani: quattro persone arrestate
OPERAZIONE DELLA POLIZIA

Odiose truffe agli anziani: quattro persone arrestate

di ilTorinese pubblicato sabato 6 aprile 2019

Con i furti in abitazione le truffe agli anziani sono una delle fattispecie di reato più odiose in quanto vanno a colpire persone sovente indifese, magari giocando sulla loro credulità e non tenendo conto delle conseguenze che hanno poi sui truffati. Certamente essere truffati non piace a nessuno ma nella maggiore parte dei casi l’anziano vive con ancora più intensità il fatto di essere stato destinatario di questi delitti, con conseguenze sul morale e, a volte, anche sul fisico, soprattutto indirette.

In settimana, però, a quattro delinquenti questa volta non è andata bene e sono finiti dietro le sbarre, merito dell’azione Polizia di Stato nell’ambito del progetto finalizzato a contrastare i reati predatori ai danni di persone anziane, perpetrati da criminali specializzati, Due truffatori, B.L. e R.A., cittadini italiani di 22 e 40 anni, sono stati fermati dalla Polizia pochi istanti prima che si dileguassero dopo aver raggirato una persona anziana utilizzando il modus operandi del c.d. “falso incidente”.Martedì scorso una cittadina italiana notava un uomo di oltre 75 anni, disorientato, presso uno sportello bancomat di corso Raffaello, in difficoltà poiché non riusciva a prelevare la somma di 950 euro.La donna vedeva poco distante due uomini a bordo di un’autovettura che osservavano i movimenti dell’anziano e, insospettitasi, chiamava il 112.Personale della Squadra Volante, ricevuta la segnalazione tramite la centrale operativa, si recava immediatamente in corso Raffaello e riusciva rapidamente a individuare l’autovettura segnalata, con a bordo tre persone, una delle quali era un cittadino italiano di 76 anni, residente a Moncalieri.L’anziano signore riferiva che, poco prima, i due uomini presenti con lui in auto lo avevano fermato mentre era alla guida della sua autovettura e lo avevano indotto a credere che, poco metri prima dell’ingresso del sottopasso di corso Massimo d’Azeglio, li avesse urtati cagionando un danno alla carrozzeria della loro auto.La vittima, pur non avendo avuto alcuna percezione del sinistro, scendeva dal veicolo per constatare il presunto danno della controparte e notava un’ammaccatura sul parafango anteriore sinistro. Durante queste operazioni, tornando sui suoi passi nelle immediate vicinanze della propria vettura, i due uomini gli facevano constatare che anche la parte posteriore destra della sua auto era danneggiata. Infatti, mentre uno dei truffatori intratteneva l’anziano, il complice utilizzando un oggetto di metallo e della carta abrasiva aveva provocato dei danni al veicolo della vittima per indurlo a credere di aver realmente cagionato l’incidente.A causa del raggiro l’anziano si convinceva di aver cagionato il sinistro stradale e i due uomini, uno dei quali fingeva anche di essere disabile, chiedevano alla vittima 950 euro a titolo di risarcimento danni, per evitare il coinvolgimento delle rispettive assicurazioni e l’intervento sul posto della Polizia Municipale.La vittima consegnava immediatamente ai truffatori 200 euro, ma i gli stessi riuscivano a convincere l’anziano a recarsi al primo bancomat disponibile per prelevare altro denaro.A carico di uno dei due truffatori, un 22enne italiano domiciliato a Milano, con precedenti di polizia specifici per truffe perpetrate con le medesime modalità esecutive, gli agenti sequestravano la somma in contanti di 450 euro, che venivano successivamente restituiti alla vittima.Venivano rinvenuti nel vano porta oggetti dell’auto, 8 dadi in metallo e 2 strisce di carta abrasiva, materiale utilizzati per danneggiare la carrozzeria, raschiare parte della vernice e simulare il finto incidenti. Infine, i poliziotti hanno sequestrato a carico dei malviventi anche ulteriori 1350 euro verosimile provento di ulteriori episodi delittuosi.Personale della Squadra Mobile di Torino, ha invece tratto in arresto, in due distinti episodi, due donne, cittadine polacche di origini Rom senza fissa dimora in Italia, resesi responsabili di truffe ai danni di persone ultrasessantenni.Le vittime venivano prima contattate telefonicamente da complici che, in un’occasione si sono finti figli della vittima e nell’altra hanno ricoperto le vesti di amici in difficoltà.Nel primo caso avevano comunicato ad una ad una donna di aver investito una gestante e di aver un bisogno urgente di denaro ed oro al fine di dover patire gravi sanzioni penali, generando così nella vittima uno stato di ansia e confusione che la portava ad aderire alla richiesta dei truffatori. L’anziana consegnava tutto quanto in suo possesso alla cittadina polacca S.R.. che veniva successivamente fermata dagli agenti. Dopo la convalida dell’arresto la donna è stata condannata alla pena detentiva di due anni.Nella seconda occasione veniva comunicata la necessità immediata di denaro per far fronte a un debito con la banca e la complice convinceva la vittima a consegnare tutti i suoi averi alla donna che si sarebbe presentata all’appuntamento. I poliziotti che stavano monitorando la truffatrice riuscivano ad intercettare lo scambio e a fermare M.C..Sempre nell’ambito della stessa attività info-investigativa, a fine gennaio era stata arrestata S.M., sorella di S.R., per il medesimo reato. la donna era stata condannata alla pena detentiva di 20 mesi.

Massimo Iaretti

(foto: il Torinese)

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE