Home » Brevi di cronaca » Occhio a colombe e uova di Pasqua, la procura apre un’inchiesta su frodi e tarocchi
I DOLCI VENDUTI IN UN NEGOZIO DEL CENTRO NON RIPORTAVANO L'ETICHETTA CHE INDICAVA LA PRODUZIONE FATTA IN UN ALTRO LABORATORIO. SORPRESE NON A NORMA NELLE UOVA DI CIOCCOLATO

Occhio a colombe e uova di Pasqua, la procura apre un’inchiesta su frodi e tarocchi

di ilTorinese pubblicato domenica 5 aprile 2015

PASQUA

A Torino Guariniello apre un fascicolo su una pasticceria e a Biella la GdF scopre sorprese non a norma nelle uova di cioccolato

 

Magari saranno state eccellenti al gusto, ma non erano “originali” come invece venivano proposte al pubblico. E così le colombe mandorlate e al cioccolato che  erano esposte per la vendita in una nota pasticceria del centro storico non riportavano la dicitura – come la legge prevede –  secondo la quale  erano state prodotte in un altro laboratorio. I carabinieri del Nas hanno provveduto a sequestrare una decina di confezioni  del prelibato dolce pasquale e hanno presentato una denuncia in procura. Il  pm Raffaele Guariniello ha poi aperto un fascicolo per frode in commercio: indagato il responsabile del negozio. L’etichetta che riportava le indicazioni del luogo di produzione era stata rimossa. Invece – sorpresa nella sorpresa –  le sorprese all’interno delle uova di Pasqua, non erano a norma. La guardia di finanza ne ha così  sequestrate circa duecento in quattro esercizi commerciali di Biella. Anche in questo caso la scoperta è stata fatta nell’ambito dei controlli relativi alla corretta etichettatura dei prodotti. I negozianti sono stati segnalati alla Camera di Commercio, per verificare le sanzioni del caso, mentre i prodotti verranno  dissequestrati e messi in vendita solo dopo adeguata etichettatura.